diredonna network
logo
Stai leggendo: Scatto di famiglia diventa virale: bambino gettato in aria [FOTO]

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Scatto di famiglia diventa virale: bambino gettato in aria [FOTO]

Una fotografia di una famiglia al mare diventa uno scatto virale.Dopo il grande spavento, tutto è andato per il meglio.
(foto:Web)

Una bella fotografia di famiglia si è invece trasformata in un fenomeno virale.
Elizabeth e Steve Cramer sono ritratti con i loro bambini al mare quest’estate a San Clemente, in Florida.

Lo scatto è stato visualizzato circa due milioni di volte da quando è stato realizzato.
Il bambino di soli sei mesi è infatti in una posizione molto pericolosa, la madre terrorizzata e l’altro figlioletto a gambe all’aria. Nessuno dei due bambini si è fatto male e ora la famiglia Cramer è diventata un vero e proprio tormentone negli U.S.A. ed esistono anche tante versioni modificate della stessa fotografia.

I bambini non volevano farsi fotografare ed avevano iniziato a piangere, così i genitori, per farli calmare, avevano iniziato a dondolarli e alzarli per aria ma qualcosa non è andato per il verso giusto ed Elizabeth si è lasciata sfuggire il piccolo dalle mani.

Il nonno pediatra assicura che i bambini stanno benissimo, solo un grande spavento per tutti.

(foto:Web)