diredonna network
logo
Stai leggendo: Omicida pentito tenta di circoncidersi ma si evira.

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Charli, la modella mostra la cellulite: "Non me ne vergogno"

Oroscopo dal 13 al 19 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Occhi al cielo: arrivano la luna rosa e la cometa verde

Omicidio di identità: "Sfregiare con l'acido è uccidere"

Come Mowgli: la vera storia della bimba allevata dalle scimmie nella foresta

Omicida pentito tenta di circoncidersi ma si evira.

Il reo confesso Zoran Ahmetovic decide di circoncidersi da solo in carcere ma rischia l'evirazione.Una scelta dettata da motivi religiosi.
omicida-rimini

L’autore del gesto folle è il 38enne Zoran Ahmetovic, l’uomo che dopo 15 anni ha confessato l’ omicidio del riminese Max Iorio e che sta scontando la pena a 16 anni di reclusione nel carcere di Parma.

L’uomo ha ammesso l’omicidio solo dopo 14 anni dall’assassinio (avvenuto il 19 marzo 1997) nell’appartamento del dipendente comunale in via Santa Chiara, in pieno centro a Rimini, dopo una notte tra sesso e stupefacenti. Ahmetovic all’epoca dei fatti viveva in un campo nomadi a Rimini.

La tentata circoncisione ha fatto rischiare al detenuto un’emorragia. Si è giustificato parlando di motivi culturali e in una lettera ricevuta in questi giorni dal suo avvocato,  Ahmetovic si dice pentito e di aver imboccato la strada della fede. Nel pentimento parla anchealla famiglia della sua vittima, dando indicazioni precise, compreso la chiesa dove recarsi, per perdonarlo.