diredonna network
logo
Stai leggendo: Mario Alessi: dopo l’omicidio del piccolo Tommy, presto fuori dal carcere

Gli Harry Potter Studios cercano personale: sfoderate le vostre bacchette

Oroscopo dal 21 al 27 settembre - Come sopravvivere alle stelle

Ryanair: tutti i voli cancellati e cosa fare se c'è anche il tuo

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

Ecco One Step 2: la mitica Polaroid è davvero tornata

Firenze, segrega la figlia per 4 anni e la dà in sposa per 15mila euro

Adam Levine e Behati Prinsloo: "Vogliamo 100 bambini". Per ora annunciano il secondo così

Mario Alessi: dopo l'omicidio del piccolo Tommy, presto fuori dal carcere

Potrebbe uscire presto dal carcere Mario Alessi, accusato dell'omicidio del piccolo Tommy e dello stupro di una giovane ragazza. La madre della vittima è sconvolta.
tommy-onofri

Mario Alessi potrebbe presto tornare libero. Le porte del carcere di Prato infatti potrebbero aprirsi, nonostante lui stia scontando l’ergastolo per il rapimento e l’omicidio del piccolo Tommaso Onofri.

Usufruendo i permessi concessi dalla legge, per svolgere un’attività esterna, Alessi ha frequentato un corso da fabbro e uno da giardiniere. La madre della vittima è scandalizzata:

“Ha stuprato una povera ragazza e ha ucciso il bambino, il mio bambino – ha detto al ‘Giorno’ – La prossima volta, se tornerà libero, che cosa farà? Quell’uomo, fuori dal carcere, può fare solo del male!” 

Un dolore fortissimo che sfocia in un giudizio generale sulla concessione di benefici così immediati a colpevoli.

“Non so se sia stato lui a infierire su Tommaso, so che lui c’era, la sera in cui è stato ucciso. Non è un personaggio da rimettere in circolazione in nessun caso. Non sono io a dovere decidere, ma la penso così. Rimango stupefatta: uno diventa delinquente, violenta, uccide, poi frequenta un corso e lo mettono fuori, trovo anche incredibile che gli venga dato un lavoro quando ci sono tante persone che non ne hanno. Per me è una cosa schifosa”. Difficile darle torto.
L’avvocato dell’uomo si arrabbia e contesta: “Se c’è una legge, significa che è possibile. Perché no? Escono tanti criminali. I mafiosi sono più pericolosi di Alessi”