diredonna network
logo
Stai leggendo: Mario Alessi: dopo l’omicidio del piccolo Tommy, presto fuori dal carcere

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

Mario Alessi: dopo l'omicidio del piccolo Tommy, presto fuori dal carcere

Potrebbe uscire presto dal carcere Mario Alessi, accusato dell'omicidio del piccolo Tommy e dello stupro di una giovane ragazza. La madre della vittima è sconvolta.
tommy-onofri

Mario Alessi potrebbe presto tornare libero. Le porte del carcere di Prato infatti potrebbero aprirsi, nonostante lui stia scontando l’ergastolo per il rapimento e l’omicidio del piccolo Tommaso Onofri.

Usufruendo i permessi concessi dalla legge, per svolgere un’attività esterna, Alessi ha frequentato un corso da fabbro e uno da giardiniere. La madre della vittima è scandalizzata:

“Ha stuprato una povera ragazza e ha ucciso il bambino, il mio bambino – ha detto al ‘Giorno’ – La prossima volta, se tornerà libero, che cosa farà? Quell’uomo, fuori dal carcere, può fare solo del male!” 

Un dolore fortissimo che sfocia in un giudizio generale sulla concessione di benefici così immediati a colpevoli.

“Non so se sia stato lui a infierire su Tommaso, so che lui c’era, la sera in cui è stato ucciso. Non è un personaggio da rimettere in circolazione in nessun caso. Non sono io a dovere decidere, ma la penso così. Rimango stupefatta: uno diventa delinquente, violenta, uccide, poi frequenta un corso e lo mettono fuori, trovo anche incredibile che gli venga dato un lavoro quando ci sono tante persone che non ne hanno. Per me è una cosa schifosa”. Difficile darle torto.
L’avvocato dell’uomo si arrabbia e contesta: “Se c’è una legge, significa che è possibile. Perché no? Escono tanti criminali. I mafiosi sono più pericolosi di Alessi”