diredonna network
logo
Stai leggendo: Mario Alessi: dopo l’omicidio del piccolo Tommy, presto fuori dal carcere

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Mario Alessi: dopo l'omicidio del piccolo Tommy, presto fuori dal carcere

Potrebbe uscire presto dal carcere Mario Alessi, accusato dell'omicidio del piccolo Tommy e dello stupro di una giovane ragazza. La madre della vittima è sconvolta.
tommy-onofri

Mario Alessi potrebbe presto tornare libero. Le porte del carcere di Prato infatti potrebbero aprirsi, nonostante lui stia scontando l’ergastolo per il rapimento e l’omicidio del piccolo Tommaso Onofri.

Usufruendo i permessi concessi dalla legge, per svolgere un’attività esterna, Alessi ha frequentato un corso da fabbro e uno da giardiniere. La madre della vittima è scandalizzata:

“Ha stuprato una povera ragazza e ha ucciso il bambino, il mio bambino – ha detto al ‘Giorno’ – La prossima volta, se tornerà libero, che cosa farà? Quell’uomo, fuori dal carcere, può fare solo del male!” 

Un dolore fortissimo che sfocia in un giudizio generale sulla concessione di benefici così immediati a colpevoli.

“Non so se sia stato lui a infierire su Tommaso, so che lui c’era, la sera in cui è stato ucciso. Non è un personaggio da rimettere in circolazione in nessun caso. Non sono io a dovere decidere, ma la penso così. Rimango stupefatta: uno diventa delinquente, violenta, uccide, poi frequenta un corso e lo mettono fuori, trovo anche incredibile che gli venga dato un lavoro quando ci sono tante persone che non ne hanno. Per me è una cosa schifosa”. Difficile darle torto.
L’avvocato dell’uomo si arrabbia e contesta: “Se c’è una legge, significa che è possibile. Perché no? Escono tanti criminali. I mafiosi sono più pericolosi di Alessi”