diredonna network
logo
Stai leggendo: “Le donne qui non possono entrare” Ecco i luoghi dove è negato l’accesso alla donna

Stuprata a 16 anni su ordine del "tribunale" del villaggio per punire il fratello

Caso Diele: Ilaria non è morta perché "la giornata in cui fai una cazzata capita a tutti"

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Dai 13 anni sono stata abusata più volte dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

"Le donne qui non possono entrare" Ecco i luoghi dove è negato l'accesso alla donna

"Se donna? Qui non puoi entrare" ecco, nel mondo, in quali posti noi non siamo ben accette. Non solo in Oriente, anche in Europa...
divieto-donne

Assurdo ma reale. Se la parità tra i generi dovrebbe ormai essere un dato di fatto, c’è chi, in altre parti del mondo, reputa ancora la donna un essere inferiore. Addirittura esistono luoghi strettamente proibiti alle donne. L’elenco è stato stilato da Fox News: dai templi Indù ad un parco acquatico tedesco. Per religione, o tradizione, fatto sta che ci sono posti dove, se sei donna… l’accesso ti viene automaticamente negato.

Ecco l’elenco.

  • Monte Athos, Grecia: la montagna sacra, presenta un divieto di accesso antico, che non si applica solo alle donne ma si estende anche agli animali domestici di sesso femminile. Una credenza sostiene che la presenza delle femmine inibisca il percorso verso l’illuminazione spirituale dei monaci che vi abitano.
  • Templi Indù in India e Indonesia: vietata la visita alle donne che si trovano in periodo mestruale.  Le donne mestruate infatti sono considerate impure e in alcuni paesi il divieto è ormai oggetto di contestazione ma ancora attivo. Basti pensare che qualche secolo fa, le donne mestruate non potevano avvicinarsi all’altare nemmeno nelle chiese cattoliche.
  • Santuario di Haji Ali Dargah, Mumbai, India: uno dei monumenti più rappresentativi di Mumbai, dedicato ad un santo del quindicesimo secolo. Le autorità spiegano che è completamente anti-islamico permettere alle donne di visitare le tombe.
  • Monte Omine, Giappone: patrimonio dell’Unesco dal 2004, solo gli uomini possono percorrere i sentieri che conducono al tempio buddista. Le donne rappresentano una distrazione per i pellegrini religiosi che dovrebbero essere immersi nel rigido raccoglimento.
  • Arabia Saudita: qui l’ingresso non è proibito ma le donne possono circolare solo se accompagnate da un parente di sesso maschile.
  • Galaxy Water Park, Baviera, Germania: l’estate scorsa, uno dei parchi acquatici più grandi di Europa ha vietato alle donne uno dei suoi scivoli più veloci, perchè potrebbe causare ferite intime. Ora i gestori starebbero lavorando allo sviluppo di un costume particolare per aggirare il problema.