logo
Galleria: “Non rovinate la mia battaglia”: la rabbia di Valentina per lo schifo subito

"Non rovinate la mia battaglia": la rabbia di Valentina per lo schifo subito

Valentina è l'ennesima vittima dei bulli dei social, che hanno ideato un meme partendo da una sua fotografia. "Era parte di un progetto contro le discriminazioni verso i disabili, così hanno rovinato tutto".

L’esperienza ci ha ormai ampiamente dimostrato che i social media non sono soltanto forieri di messaggi positivi, di amore e di socialità, appunto, come ci si aspetterebbe dal nome che è stato dato a questi nuovi mezzi di comunicazione, ma spesso possono rappresentare, purtroppo, anche una notevole fucina d’idee per la nuova generazione di bulli. Quelli che, nella loro versione 2.0, hanno assunto il poco lodevole titolo di “haters“, odiatori è la traduzione letterale italiana – e questo già la dovrebbe dire lunga sulla pasta di cui sono fatti questi tipi -, che usano le varie piattaforme social per sputare fango, giudizi e cattiverie gratuite su chiunque. Perennemente protetti  da  profili falsi creati ad hoc o da pagine che dovrebbero risultare satiriche ma invece sono solo di dubbio gusto (per usare un eufemismo), beatamente adagiati sul diritto alla libertà d’espressione, manipolato però a proprio piacimento (certamente nel concetto non è compreso il deridere, umiliare o infamare altre persone), o più semplicemente abbastanza scaltri da tirare fuori, all’occorrenza, la giustificazione di qualunque bullo che si rispetti: “Ma noi volevamo solo farci due risate”.

Il senso di de-responsabilizzazione che la realtà virtuale, in modo involontario, ha inspiegabilmente instillato in alcuni individui (“se lo scrivo su Facebook nessuno lo riterrà offensivo, tutti ne rideranno”, sembrano pensare molti di questi bulli da social), il senso di onnipotenza e di impunità offerto dall’opportunità di poter lanciare l’offesa senza neppure il bisogno di mostrare il proprio vero volto (perché, siamo sinceri, molti di questi eroi da tastiera non avrebbero lo stesso coraggio in un confronto faccia a faccia), l’ossessiva ricerca del gradimento misurato a suon di like e commenti sotto i propri post, tutto questo ha contribuito a peggiorare un fenomeno che era già una piaga dilagante fra i più giovani, spostandosi dalle aule scolastiche al monitor di un pc, dalle palestre ai gruppi Facebook. E attenzione: i nuovi bulli non sono necessariamente solo adolescenti, alle prese con problemi di accettazione personale e di integrazione con i coetanei. Perché i social sono diventati uno strumento perfetto ove sfogare frustrazioni di giornate lavorative andate male, di famiglie imperfette, di amori naufragati e di tutto quanto può accrescere la rabbia anche degli adulti.

Ne abbiamo lette e viste tante, nel tempo: dallo “sperma nello stomaco” rivolto a Selvaggia Lucarelli ai meme terribili su Giulia Innocenzi e persino su Anna Frank.

E la recente – e geniale – risposta di Alex Zanardi ci ha fatto capire che nemmeno i disabili sono immuni dalla malignità che corre sul Web.

L’ultima, in ordine di tempo, a essere finita al centro della pessima ironia social è stata Valentina Tomirotti, trentacinquenne mantovana, giornalista e blogger dalla lingua tagliente, diventata suo malgrado un meme a causa della sua disabilità. Una pagina Facebook che lei desidera far rimanere anonima – “Non voglio fare loro pubblicità“, ci ha detto quando l’abbiamo sentita per sapere cosa avesse provato nel vedere la sua fotografia diventare un meme di dubbio gusto – ha infatti pubblicato un’immagine di lei in bianco e nero, davvero molto bella, scattata dalla fotografa Micaela Zuliani nell’ambito del progetto Boudoir Disability, che mira ad abbattere i pregiudizi e le discriminazioni secondo cui una donna disabile non possa essere attraente o esteticamente piacente. Peccato che nella foto di Valentina sia stata aggiunta una didascalia davvero poco “galante” per usare un eufemismo. Ma lei, informata della cosa proprio da Micaela, non è certo rimasta con le mani in mano, e ha già promesso ripercussioni legali sugli autori di questa odiosa vignetta.

Nella gallery leggerete tutto quello che ci ha raccontato Valentina su questa vicenda che, una volta di più, ci ha fatto capire quanto anche gli strumenti migliori, come i social, in mano agli elementi peggiori possano diventare deleteri.

“Non rovinate la mia battaglia”: la rabbia di Valentina per lo schifo subito

"Non rovinate la mia battaglia": la rabbia di Valentina per lo schifo subito
Foto 1 di 12
x