logo
Galleria: I più bei tatuaggi hennè: l’arte (temporanea) sul corpo

I più bei tatuaggi hennè: l'arte (temporanea) sul corpo

Con una storia antica e di grande fascino, i tatuaggi all'henné sono, ancora oggi, molto apprezzati. E si possono realizzare anche da sole (anche se sarebbe meglio di no!)

Star del calibro di Madonna, vera pioniera del genere nel lontano 1998, nel videoclip di Frozen, Beyoncé, Kendall Jenner, Lady Gaga o Ariana Grande si sono già fatte conquistare dal tatuaggio all’henné, che ha il pregio di essere esotico, sensuale e – particolare di non poco conto – temporaneo.

Ma cos’è esattamente l’hennè?

Henné per tatuaggi (e non solo): cos’è

La Lawsonia inermis, nota col nome comune di henna, o più spesso con il francese henné, è un arbusto spinoso della famiglia delle Lythraceae, dalle cui foglie e rami essiccati e macinati si ricava una polvere giallo-verdastra, utilizzata come colorante su tessuti e pelle animale. La molecola colorante dell’hennè è chiamata Lawsone, ed è una sostanza di colore rosso arancione presente nelle foglie della pianta.
In Nordafrica e India l’henné, o mehndi, viene usato per tatuaggi temporanei su mani e piedi, in particolare durante i matrimoni e negli altri riti religiosi, ma anche, ad esempio, per la tintura dei capelli.

Oggi, però, i disegni realizzati a henné sono fonte di ispirazione anche per le unghie, per ricreare manicure particolari e d’effetto: le linee, infatti, colorano l’unghia a contrasto con uno smalto di base, rendendola davvero unica. Ovviamente per creare queste nail art sono necessari due smalti diversi, un pennellino dalla punta sottilissima e molta fantasia. Si dovrà, prima di tutto, stendere lo smalto di base, scegliendo un rosa chiaro o uno smalto nude, da abbinare a un marrone scuro molto intenso oppure a un bianco, per creare i disegni tipici dei tatuaggi all’henné, ovvero fiori, petali, forme geometriche e linee astratte.

I tatuaggi temporanei con henné

Come detto, i tatuaggi all’hennè hanno origini antichissime, tipiche dell’Africa settentrionale e dell’India. Questi tatuaggi sono temporanei, e hanno una durata che varia dalle due alle tre settimane, anche se la permanenza sull’epidermide dipende molto dal luogo scelto per il tatuaggio, da quante volte viene lavata la parte, dall’applicazione di creme sulla zona interessata, dallo sfregamento con i vestiti, e naturalmente dalla grandezza. Sulle mani, ad esempio, il tatuaggio tende a scomparire prima rispetto a un disegno realizzato su busto o braccia.
I tatuaggi all’hennè generalmente si realizzano in centri specializzati in tatuaggi, ma anche in centri estetici che si occupano di tattoo art. Rivolgersi a un esperto è preferibile non solo per avere un lavoro più preciso, ma anche per non rischiare dermatiti o sfoghi di vario tipo sulla pelle.

Tuttavia, molte sono le persone che si chiedono come fare tatuaggi all’henné a casa, e come preparare l’impasto per i tatuaggi. Noi vi diamo indicazioni anche su questo, nonostante sia sempre preferibile rivolgersi ai professionisti del settore.

Come fare a casa i tatuaggi all’henné

La prima cosa che serve per fare un tatuaggio all’henné è un kit essenziale di oggetti, e soprattutto si deve prestare molta attenzione ai prodotti che si usano per tatuarsi, cercando anche di capire se la polvere per l’henné non potrebbe scatenare reazioni allergiche.
Se è tutto a posto, potete passare ad acquistare il vostro kit, che comprende:

  • Henné in polvere, da comprare in erboristeria
  • Contenitore
  • Cucchiaio
  • Succo di limone o acqua calda
  • Un cucchiaio di zucchero
  • Applicatore di tatuaggi all’henné (o un sacchetto di plastica resistente)
  • Olio d’oliva
  • Cotton fioc

In alcuni negozi potrete comunque trovare dei kit per tatuaggi all’henné già completi di tutto.
Passiamo quindi al procedimento per preparare l’impasto: prendete il contenitore e unite i due cucchiai di henné in polvere con l’acqua calda o il limone, a seconda di quello che preferite, e mescolate finché l’impasto non raggiunge una consistenza abbastanza densa; quindi inserite lo zucchero e fate riposare l’impasto in un posto caldo, per un tempo che può variare dalle quattro ore a una notte completa (il tempo di posa, ovviamente, renderà il tatuaggio più colorato).

Trascorso il tempo di posa della tinta, provatene una piccola quantità diluita sulla pelle, tranne se avete un’epidermide piuttosto sensibile, quindi fate riposare ancora qualche ora.

Una volta che l’impasto sarà pronto, è arrivato finalmente il momento di procedere con il tatuaggio; se avete l’applicatore di tatuaggi all’henné potete inserire dentro il composto e procedere con il disegno che avete scelto, dopo aver fatto qualche prova, giusto per prendere dimestichezza.

Se non avete l’applicatore potete usare anche un sac à poche da pasticcere con punta finissima, oppure un sacchetto di plastica, in cui inserirete l’henné.

Durante il disegno potete aiutarvi con un cotton fioc bagnato con acqua calda, per eliminare subito eventuali sbavature, mentre per le parti più piccole del disegno, o che richiedono più precisione, si può intingere uno stuzzicadenti nella tinta e usarlo per disegnare. Una volta terminato il disegno, il tattoo deve riposare per un po’ di tempo, dopo essere stato deterso con dell’olio d’oliva, utile anche a idratare la pelle.
Per proteggerlo, dobbiamo avvolgere il tatuaggio con della carta assorbente, evitando di bagnarlo per almeno un paio di giorni, aiutandoci con una pellicola trasparente, mentre al mare possiamo coprirlo con abbondante crema protettiva.

Quanto costano i tatuaggi all’henné?

Il costo del tatuaggio all’henné varia, ovviamente, a seconda del disegno che avrete scelto. Mentre i più piccoli potranno costare dai 15 euro in su, quelli più elaborati, da matrimonio per intenderci, possono anche superare i cento euro. Diffidate sempre dei tatuaggi a basso costo, perché l’henné potrebbe essere stato mescolato con agenti irritanti sulla pelle, per aumentare la durata dell’impasto, oppure potrebbe non essere di qualità.

Per quanto riguarda il tatuaggio all’henné fatto in casa, il costo è certamente inferiore, dato che per la polvere si spendono circa 7, e 3 o 4 euro per l’applicatore di henné per tatuaggi,senza contare che tutti gli ingredienti possono essere riutilizzati per più tatuaggi.

Se siete in cerca di idee bellissime per i vostri tatuaggi all’henné, in gallery abbiamo riportato una carrellata di disegni davvero meravigliosi.

I più bei tatuaggi hennè: l’arte (temporanea) sul corpo

I più bei tatuaggi hennè: l'arte (temporanea) sul corpo
Foto 1 di 11
x
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...