*** Aggiornamento del 23 giugno 2021 ***

Shelley Duvall, oggi malata e con problemi mentali, a 72 anni, è tornata a raccontare l’incubo vissuto durante le riprese del suo film più famoso, Shining. Lo ha fatto per l’Hollywood Reporter.

Kubrick non dava mai per buone le riprese, fino al trentacinquesimo tentativo – ha raccontato, ripetendo quanto già detto nel passato – E ogni volta per trentacinque volte bisognava correre, e piangere, e trascinare questo ragazzino. Era durissimo.

Ha anche aggiunto che, prima di ogni scena, cercava di calarsi nel personaggio ascoltando canzoni tristi al suo walkman.

Ma dopo un po’ il tuo corpo si ribella, dice: ‘Basta, non fatemi più questo. Non voglio piangere tutti i giorni’.

Sulla crudeltà di Kubrick ha detto

Forse qualcuno lo aveva trattato in quel modo in passato, ma è sempre stato amichevole con me, ha speso tanto tempo con Jack e con me. Voleva soltanto sedersi vicino e parlare per ore, mentre i tecnici aspettavano. C’è una scena nel film  che è stata ripetuta per 148 volte, quella in cui si discute il dono della ‘luccicanza’: un record mondiale.

Ma c’è anche la famosa scena in cui Jack Torrance irrompe con l’ascia.

Abbiamo girato quella scena per tre settimane, ogni giorno. E Jack era bravissimo, era veramente spaventoso. Posso solo immaginare quante donne attraversino simili violenze ogni giorno.

*** Articolo originale ***

Shelley Duvall è molto diversa da quella che ricordiamo. Certo, nel cuore dei cinefili sarà sempre giovane e graziosa, ma a volte le storie dei protagonisti del cinema prendono strade che non immagineremmo. Duvall, classe 1949, è oggi una donna anziana, appesantita non tanto dall’età quanto dalle esperienze. Nel 2016 ha rilasciato al Dr. Phil un’intervista in cui ha raccontato di avere dei problemi mentali – e di aver bisogno d’aiuto – e di essere minacciata dallo sceriffo di Nottingham.

Il Daily Mail ripercorre un po’ l’iter di Shelley Duvall in questo terzo millennio. Ha lavorato nel cinema per l’ultima volta nel 2002 e poi nel 2009 è stata ricoverata perché affermava che gli alieni vivessero nel suo corpo. Un paio di anni fa poi, quest’intervista, che non lascia spazio a dubbi. In tanti ricordano Duvall per essere stata Wendy in Shining di Stanley Kubrick.

Che fine hanno fatto le inquietanti Gemelle di Shining?! [FOTO]

Per qualcuno è proprio questa la causa del suo malessere e di come Kubrick e Shining abbiano portato l’attrice oltre il proprio limite. Quello che possiamo dire con certezza è che lavorare con Kubrick fosse davvero un’esperienza destabilizzante, ma attribuire al regista i problemi attuali di Shelley Duvall appare un’esagerazione, tanto più che il film fu rilasciato nel 1980. Quello che ci fa pensare è che però l’esperienza possa aver influito, come il primo granello di sabbia di una clessidra rivoltata, sulla psiche di Duvall e quello che poi ne sarebbe stata l’evoluzione interiore.

In gallery ripercorriamo la vita e la carriera di Shelley.

Shelley Duvall, una vita segnata dalla malattia mentale dopo Shining
Fonte: Dr Phil
Foto 1 di 13
Ingrandisci

Articolo originale pubblicato il 2 Luglio 2018