I segni sul volto delle donne che stanno combattendo il Coronavirus in prima linea - Roba da Donne

I segni sul volto delle donne che stanno combattendo il Coronavirus in prima linea

I segni sul volto delle donne che stanno combattendo il Coronavirus in prima linea

Fonte: instagram @alessiabonari_

Foto 1 di 7
Ingrandisci

L’emergenza Coronavirus, oltre ad averci messo di fronte alle nostre più umane paure e fragilità, ha anche sottolineato un’altra cosa, ovvero l’eccellenza del personale ospedaliero italiano, che da quando la situazione si è aggravata, in tutta la penisola, non ha mai smesso di lavorare con impegno e passione, sacrificandosi con turni lunghissimi, praticamente infiniti, e spesso rinunciando a tornare a casa per evitare anche possibili diffusioni del virus.

Che la circostanza sia davvero eccezionale lo dimostrano le misure attuate dal Governo, comprese quelle riguardanti proprio medici e infermieri, con maxi assunzioni di personale (a tempo determinato) e persino il richiamo di professionisti ormai in pensione (da non più di sei mesi). Ma non si riesce a comprendere davvero fino in fondo l’enorme lavoro di sacrificio e di abnegazione che queste persone stanno compiendo, se non osservando i loro volti stravolti, segnati dalla fatica ma anche dagli strumenti di lavoro, dai lacci delle mascherine indossate per ore, dai camici madidi di sudore.

Il loro è davvero un compito da eroi, in questo momento: eroi normali, con famiglie di cui occuparsi, genitori in ansia che magari non possono vedere, compagni, figli da cui sono chiamati a stare lontani per fronteggiare un nemico più grande di tutti loro. E le loro sono immagini che non possono non smuovere emozione, rispetto e profonda stima: perché sono i figli, le mamme, i papà, i fratelli e le sorelle di ciascuno di noi.

Anche, e soprattutto per loro, chi può deve restare a casa, rinunciando, per una manciata di giorni, alla sua routine quotidiana. Dopo tutto, di fronte a quanto stanno facendo, per tutti noi questo non è davvero un sacrificio immane.

Sfogliate la gallery per vedere i volti di alcune delle donne che stanno lavorando in ospedale per aiutare tutti e leggere le loro strazianti testimonianze.

Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...