logo
Galleria: L’odio feroce per le donne e i gay in 10 frasi orribili di Bolsonaro

L’odio feroce per le donne e i gay in 10 frasi orribili di Bolsonaro

L'odio feroce per le donne e i gay in 10 frasi orribili di Bolsonaro
Foto 1 di 11
x

Da domenica 28 ottobre il Brasile ha un nuovo presidente: Jair Bolsonaro. Candidato di estrema destra ha ottenuto il 56% dei voti, battendo con quasi undici milioni di voti di differenza il rivale Fernando Haddad, rappresentante del Partito dei Lavoratori.

Bolsonaro è un ex militare di 63 anni che ha incentrato la sua campagna elettorale sulla sicurezza del Paese e sulla lotta alla corruzione. Durante questi mesi non ha avuto paura di esprimere le sue posizioni, altamente provocatorie, riguardo a diversi temi che interessano da tempo l’attualità. Uno tra tutti l’omofobia, ma anche la migrazione, l’aborto e il porto d’armi.

Secondo il pensiero di Jair Bolsonaro in Brasile non può esistere alcuna minoranza, le quali si devono, a suo dire, inchinare alle maggioranze.

La legge deve esistere per difendere la maggioranza. Le minoranze devono adattarsi o semplicemente scomparire.

E il neopresidente parla purtroppo di minoranze di ogni genere: le donne che non possono avere lo stesso stipendio degli uomini, i gay che non possono baciarsi per strada o i rifugiati a cui non è più concesso un solo centimetro di terra brasiliana.

Ovviamente non serve neanche dire che tutte queste sue dichiarazioni sessiste e omofobe in primis, ma anche tutte le provocazioni a riguardo delle minoranze, hanno scatenato dei movimenti cittadini per combattere il “Trump Brasiliano”, come è stato definito, anche se difficilmente si potrebbero udire le stesse parole uscire con tale violenza dalla bocca del Presidente Statunitense. Uno tra tutti il movimento femminista “Ele Nau” (Non lui). Migliaia di donne unite con un unico scopo, sensibilizzare l’opinione pubblica prima delle elezioni, hanno sfilato per le più grandi città brasiliane.

Gay, musulmane, donne native e rifugiati fanno la storia delle Elezioni Usa

Gay, musulmane, donne native e rifugiati fanno la storia delle Elezioni Usa

Nonostante questi movimento di opposizione, lo stato del Brasile ha votato per la sua elezione.

In gallery alcune delle sue dichiarazioni più estremiste.