logo
Galleria: “Nessun altro genitore deve provare il nostro dolore”: la moglie di Bode Miller

“Nessun altro genitore deve provare il nostro dolore”: la moglie di Bode Miller

"Nessun altro genitore deve provare il nostro dolore": la moglie di Bode Miller
Foto 1 di 10
x

Più prevenzione contro l’annegamento infantile. È questa la speranza, la richiesta, l’istanza di Morgan Beck, moglie di Bode Miller. Poco più di un mese fa la coppia ha perso la sua bellissima bimba, Emmeline, di solo 19 mesi. La piccola è infatti annegata in piscina e i medici non hanno potuto fare niente per salvarle la vita. Distrutta dal dolore, la donna ha pensato di rivolgere questo messaggio particolare ai suoi follower su Instagram.

John Travolta e Kelly Preston: "Si può vivere dopo la morte di un figlio"

John Travolta e Kelly Preston: "Si può vivere dopo la morte di un figlio"

Sono 37 giorni da quando ho tenuto in braccio per l’ultima volta la mia bimba – ha scritto la moglie di Bode Miller lo scorso 17 luglio su Instagram – Prego Dio che nessun altro genitore senta questo dolore. […] L’annegamento è la causa numero uno di morte per i bambini di età compresa tra 1 e 4 anni. Parliamo di vaccini, seggiolini per automobili, cibo organico, tempo da passare davanti a uno schermo… ma non del rischio numero uno che la vita dei nostri bambini affronta… un assassino silenzioso. In secondo luogo: condividete e diffondete consapevolezza. È il primo passo per prevenire questo tipo di tragedie.