Maya Hawke, chi è la figlia d'arte - Roba da Donne

Le durissime parole di Maya Hawke contro la generazione dei suoi genitori

Le durissime parole di Maya Hawke contro la generazione dei suoi genitori

Fonte: Intagram @ maya_hawke

Foto 1 di 11
Ingrandisci

Si parla spesso di figli d’arte, che oggi sono belli e un giorno saranno anche famosi. Una di questi è Maya Hawke, figlia degli attori Uma Thurman ed Ethan Hawke, nata nel 1998. La ragazza, oggi ventunenne, assomma sul suo volto alcune tra le caratteristiche più affascinanti dei celebri genitori, entrambi sinceramente stupendi, avendo preso i colori di papà con i lineamenti aggraziati di mamma.

Non sappiamo, invece, da chi abbia preso la grinta, che ha dimostrato anche in una recente intervista per Nylon dove, senza mezzi termini, ha attaccato la generazione dei suoi genitori, quella dei cinquantenni (sia Uma che Ethan hanno infatti 49 anni).

Io e i miei amici siamo davvero arrabbiati con la generazione dei nostri genitori – ha detto la giovane attrice e modella – Si sono limitati a guidare auto inquinanti distruggendo l’ambiente e a votare le persone sbagliate. Abbiamo un presidente orribile. Per loro è stato tutto facile. Non hanno vissuto guerre né pandemie. Noi ventenni dovremmo divertirci, fare nuove esperienze. Invece no: dobbiamo preoccuparci del nostro pianeta che sta morendo. Del coronavirus. Di un presente spaventoso.

La giovane Maya, spiegando di essere in uno stato di “ansia perenne” a causa della situazione, ha rincarato la dose:

Stavo finalmente per andare a vivere da sola, stavo per diventare indipendente. Ma questa pandemia sembra prendersi gioco di noi. È come se mi avesse detto che era tutto uno scherzo, che sono ancora una bambina e devo continuare a vivere con mamma e papà.

Pur se relativamente sconosciuta al grande pubblico, ovviamente Maya è stata cresciuta a pane e set, tanto da scegliere di iscriversi alla prestigiosa Juilliard School di New York, una delle più importanti al mondo per arti, musica e spettacolo.

Peccato che il lavoro l’abbia chiamata prima di terminare il proprio percorso di studi: Maya, infatti, oltre ad alcuni servizi di moda, pare proprio voglia seguire le orme paterne e materne, tanto che l’abbiamo vista nella terza di Stranger Things, nei panni di Robin.

I soliti malpensanti diranno subito che Maya ha avuto la strada spianata grazie al cognome che porta, ma lei, intervistata da WWD, ha dichiarato che essere figlia d’arte in realtà non è così facile come possa sembrare:

Rende più alte le aspettative e fa in modo che le persone dubitino delle tue intenzioni, delle tue capacità e del tuo posto, ma la verità è che devi solo lavorare duro e spero che tu riconosca qual è il tuo posto. E se fai schifo, così come hai fatto presto a entrare, altrettanto presto ne uscirai.

Era già sembrata molto determinata e con la testa sulle spalle, ma mai così agguerrita come ora.

Articolo originale pubblicato il 3 Luglio 2018

Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...