diredonna network
logo
Galleria: L’ultima foto di Gerda Taro, “la ragazza con la leica” che morì a 26 anni

L'ultima foto di Gerda Taro, "la ragazza con la leica" che morì a 26 anni

La storia di Gerda Taro, compagna di Robert Capa e grande fotografa, morta durante la guerra civile in Spagna, dove stava scattando il suo reportage

Il suo nome è sconosciuto ai più, anche se Gerda Taro è stata non solo la prima fotografa donna di guerra, ma anche la prima a morire sul campo. Sebbene sia stata a lungo ricordata solo come la compagna del grande Robert Capa, co-fondatore della celebre agenzia Magnum, la sua breve vita merita di essere raccontata. E non solo per l’ultima sua foto, pubblicata dal Guardian, che la ritrae a letto e ferita, poco prima di morire.

Gerda Taro, vero nome Gerta Pohorylle, nacque nel 1910 a Stoccarda da una famiglia di ebrei polacchi. Nonostante le sue origini borghesi, fin da giovanissima entrò a far parte del Partito Comunista tedesco per lottare contro le disuguaglianze del suo paese adottivo. Dopo essere stata arrestata per la sua militanza, decise di fuggire a Parigi. E proprio nella capitale francese conobbe Endre Friedman, anch’egli ebreo e comunista, che le insegnò tutto quello che sapeva sulla fotografia.

Si innamorarono subito e decisero di creare un personaggio fittizio, che potesse valorizzare il loro lavoro come fotografi. Fu così che, insieme, crearono la leggenda di Robert Capa. Endre abbandonò la sua identità ungherese per calarsi nei panni di un fotografo americano arrivato a Parigi per lavorare in Europa. E funzionò, visto che le offerte di lavoro cominciarono a moltiplicarsi.

Nel 1936 decisero di andare in Spagna per fotografare la guerra civile. Si rivelò una scelta fondamentale per la loro carriera, che li portò a realizzare molti reportage pubblicati in periodici come “Regards” o “Vu”. Gerda Taro, in particolare, si fece notare per la sua bravura e per il suo coraggio, che la portava a rischiare costantemente la vita per trovare lo scatto perfetto.

Solo un anno dopo, mentre Robert Capa si trovava momentaneamente a Parigi, la vita di Gerda fu spezzata tragicamente. Era l’estate del 1937, in Spagna, e Gerda stava tornando dal fronte di Brunete, aggrappata alla vettura del generale polacco Walter Swierckinsky, quando uno stormo di aeroplani tedeschi iniziò a mitragliare il convoglio. L’auto sbandò e lei cadde, finendo sotto i cingoli di un carrarmato. Ferita gravemente, morì all’alba del 26 luglio in un ospedale di Madrid.

L’immagine che la ritrae durante i suoi ultimi istanti di vita è stata svelata dopo ottant’anni dallo storico ed ex militare britannico John Kiszely, figlio di Janos, il medico che è ritratto con lei nella foto. Endre, alias Robert Capa, non si riprese mai veramente dalla morte della donna che aveva amato. Continuò a inseguire la guerra e la morte fino al 1954, anno in cui morì in Vietnam per colpa di una mina.

Diversi libri e biografie hanno cercato di raccontare la vita di Gerda Taro, autrice di molti scatti che a lungo sono stati considerati solo opera di Robert Capa. Tra le tante opere vale la pena ricordare il romanzo La ragazza con la Leica, scritto da Helena Janeczek e pubblicato da Guanda. Il libro, cha ha ricevuto il Premio Bagutta 2018, ripercorre i giorni di questa donna speciale.

“Ho capito che Gerda è un personaggio così forte perché passa come una stella cometa nelle vite degli amici e degli amanti”, ha raccontato la Janeczek alla rivista Il Libraio. “E sono gli sguardi degli altri che ne restituiscono tutto la luminescenza, tutta l’energia inafferrabile. Questa donna sapeva tirare fuori il meglio dagli altri, come accade quando ti innamori e provi energie nuove, ti senti potenziato”.

L’ultima foto di Gerda Taro, “la ragazza con la leica” che morì a 26 anni

L'ultima foto di Gerda Taro, "la ragazza con la leica" che morì a 26 anni
Foto 1 di 17
x