logo
Galleria: I diritti di chi dorme la mattina: la società A dei mattinieri e B dei nottambuli

I diritti di chi dorme la mattina: la società A dei mattinieri e B dei nottambuli

I diritti di chi dorme la mattina: la società A dei mattinieri e B dei nottambuli
Foto 1 di 8
x

Circa l’80% della popolazione mondiale ogni mattina si alza al suono della sveglia per fare parte di una società orientata sul mattino. La convinzione comune è che chi dorme non pigli pesci e che il mattino abbia l’ora in bocca. E se non fosse così? Coloro che hanno un ritmo di vita totalmente diverso, i nottambuli, si stanno organizzando e hanno trovato una voce in Camilla Kring, consulente al lavoro danese e fondatrice della B-society, un gruppo di supporto per i lavoratori che non si adattato allo schema classico, chiamati lavoratori B, in contrapposizione ai lavoratori A.

Nella società agricola eravamo tutti persone A. Il motivo è che dovevamo lavorare all’aperto e quindi i nostri ritmi circadiani e orologi biologici erano sincronizzati con l’alba e il tramonto. Oggi la maggior parte di noi sono persone B eppure la società è organizzata principalmente in modo da accogliere le persone A: le scuole, gli asili e molti luoghi di lavoro consentono solo orari dalle 8-9 del mattino alle 17-18 del pomeriggio.

C'è stato un tempo in cui noi esseri umani non dormivamo tutta la notte

C'è stato un tempo in cui noi esseri umani non dormivamo tutta la notte

Sfogliate la gallery per continuare a leggere le differenze tra lavoratori mattinieri e nottambuli…