logo
Galleria: Gino Girolimoni, il “mostro innocente” accusato di aver stuprato e ucciso bambine

Gino Girolimoni, il “mostro innocente” accusato di aver stuprato e ucciso bambine

Gino Girolimoni, il "mostro innocente" accusato di aver stuprato e ucciso bambine
Foto 1 di 6
x

Il nome di Gino Girolimoni, in Italia, ha una duplice valenza nell’immaginario collettivo. Indica infatti al tempo stesso il “mostro” capace di fare del male ai bambini e la persona accusata ingiustamente di un reato molto grave – terribile anche sul piano etico, non solo giuridico.

Oggi lo sappiamo, lo diamo per assodato: Girolimoni non ha mai stuprato né ucciso bambine, come spiega un articolo storico de Il Tempo. Eppure ancora oggi “Girolimoni” si usa per indicare un assassino pedofilo o qualcosa di affine – viene nominato, per esempio, anche nella celeberrima pellicola Parenti Serpenti di Mario Monicelli proprio con quest’accezione.

Fotografò spesso la sua Alice, ma Lewis Carroll fu davvero un pedofilo?

Fotografò spesso la sua Alice, ma Lewis Carroll fu davvero un pedofilo?

Ma chi era Gino Girolimoni e che cosa gli accadde? L’Italia è piena di storie giudiziarie in cui gli errori la fecero da padrone. Ma forse questa è forse la più famosa. Inizia a Roma, nel triennio 1924-27, quando alcuni quartieri della città furono sconvolti da una serie di stupri e omicidi di bimbe.

Proviamo a immaginare: c’è qualcuno in città che violenta e uccide le bambine, come reagiremmo noi? Sicuramente la pancia della gente ebbe un peso in quello che accadde dopo