logo
Galleria: Il fascino ipnotico, androgino e trasformista di Tilda Swinton

Il fascino ipnotico, androgino e trasformista di Tilda Swinton

Il fascino ipnotico, androgino e trasformista di Tilda Swinton
Foto 1 di 12
x

Tilda Swinton sa come stupire. E lo ha fatto ancora una volta in Suspiria di Luca Guadagnino, che è stato presentato a Venezia 75. Nella pellicola, l’attrice interpreta una maestra di ballo che segue la protagonista nel suo perfezionamento della disciplina. Nella trama, la protagonista viene catapultata in uno scenario da incubo, dato che avvengono una serie di omicidi. Il film è un remake dell’omonimo di Dario Argento, un vero e proprio cult tra gli amanti dell’horror e non solo. Guadagnino però è riuscito a restituire al pubblico un ottimo prodotto e questo grazie a una serie di fattori, dalla colonna sonora al cast e ai suoi misteri. Tanto che tra il pubblico è partito subito un interrogativo per quanto riguarda gli attori nei credits finali: chi è Lutz Ebersdorf che nel film impersona Josef Klemperer? Qualcuno ha subito detto che si trattava della stessa Swinton, ma il regista Guadagnino ha bollato la questione come una «fake news». Questo fino alla rivelazione del New York Times, per bocca di Tilda Swinton in persona.

La risposta alla domanda: stai interpretando il dottor Klemperer in Suspiria? – ha scritto in una mail Tilda Swinton – è sempre che il dottor Klemperer è interpretato da Lutz Ebersdorf.

Guadagnino: "In programma il sequel di Chiamami col tuo nome"

Guadagnino: "In programma il sequel di Chiamami col tuo nome"

In altre parole, l’attrice non interpreta Klemperer, ma interpreta Ebersdorf che impersona Klemperer. Un po’ tortuoso? Non per il concept del film, dato che per Ebersdorf è stata pensata anche una falsa biografia da diffondere, grazie a Imdb, per rendere tutto molto più realistico. Ora la pagina non esiste più, dato che il mistero è stato svelato. La scelta di cast per Guadagnino affonda le radici nel fascino androgino di Swinton: il regista ha pensato a Suspiria come a una pellicola al 100% femminile e Klemperer è come fosse posseduto dallo spirito della moglie defunta. Un po’ la versione cinematografica della triade Io, SuperIo ed Es. Con un’aggiunta di quattro ore quotidiane per il make up.

Tornando a Tilda Swinton, in ultima analisi, l’attrice interpreta quindi in Suspiria due personaggi – lo fa anche in Ave, Cesare! ma è una situazione molto diversa. Sicuramente stiamo parlando di un’attrice estremamente versatile che ha scelto produzioni di qualità e cinema indipendente per la sua carriera, diventando tanto iconica per il suo stile di recitazione e il suo trasformismo. Qui proponiamo un excursus sui suoi personaggi più interessanti.