App coronavirus: aperitivi e cene virtuali | Roba da Donne

Le app per fare l'aperitivo e cenare "insieme" nonostante il coronavirus

Le app per fare l'aperitivo e cenare "insieme" nonostante il coronavirus
Fonte: How I Met Your Mother
Foto 1 di 8
Ingrandisci

Il coronavirus ha azzerato la nostra vita sociale. È però importante coltivare i rapporti umani, ma come si fa a distanza? Per fortuna siamo nel 2020 e non nel 1990, quando dovevamo fare la fila alle cabine telefoniche per telefonare alla nostra cotta estiva o nasconderci dalla mamma che ci monitorava i tempi delle interurbane al telefono fisso.

E, come insegna How I Met Your Mother, ci si può dedicare a incontri virtuali anche a grandi distanze. Ricordate i pranzi di Marshall con la famiglia in Minnesota o il Marsh-cuscino 2.0 che sua moglie preparava con un tablet quando non si trovavano sotto lo stesso tetto?

I mezzi di comunicazione sono tanti, così come le app che stanno tornando più utili del solito durante questa quarantena. Queste app accorciano le distanze e ci permettono di fare vita sociale, anche senza abbracci e baci (che comunque non potremmo darci neppure da vicino per evitare il contagio).

Coronavirus: ecco la filastrocca illustrata da leggere ai bambini per sconfiggerlo

Tra le app che stanno trovando grande riscontro per aperitivi e cene virtuali durante quest’epidemia ci sono quelle più classiche e collaudate, come Facebook Messenger, Skype e WhatsApp. Basta accendere la webcam e fare una videochiamata. Ma con le app “classiche” non sempre è possibile connettere molte persone diverse, e allora vi proponiamo una serie di applicazioni alternative per i vostri aperitivi virtuali.

Più un “bonus”. C’è chi ama gli aperitivi con gli amici, chi invece sente la nostalgia dell’andare al cinema con la propria comitiva. Niente paura, c’è un’app anche per voi, in modo che possiate tenervi in contatto guardando lo stesso film o la stessa serie Netflix con i vostri amici più cari.

Sfogliamo insieme la gallery per scoprire le app più in voga per accorciare le distanze provocate dal coronavirus.

  • Desperate Geeks