logo
Galleria: 3 case di moda che hanno detto di no alle baby modelle

3 case di moda che hanno detto di no alle baby modelle

3 case di moda che hanno detto di no alle baby modelle
Foto 1 di 11
x

La realtà delle baby modelle rappresenta una delle grandi controversie nel mondo della moda. Non parliamo dei bambini che promuovono la moda per i loro coetanei – al di sotto dei 12 anni, la legge, per fortuna, li protegge in maniera abbastanza capillare, permettendo loro di lavorare solo pochissime ore al giorno.

Il mondo della moda, visto dall’esterno, è un settore che ti spreme. E nel 2017 accadde in Cina che una modella 14enne morì proprio durante una passerella – però la storia è un po’ più complessa di quello che si potrebbe immaginare (e ve la spieghiamo nella gallery), per cui non saltate alle conclusioni.

Non rubate l'infanzia ad Anna Knyazeva, la nuova bambina più bella del mondo

Non rubate l'infanzia ad Anna Knyazeva, la nuova bambina più bella del mondo

Dicevamo: tutto questo non toglie che il problema dell’esistenza stessa delle baby modelle sia di forte attualità. Come si può risolvere? Una strada da percorrere ci sembra particolarmente interessante: le case di moda dovrebbero prendere posizione e reclamare mannequin adulte, almeno dai 18 anni in su.

E in effetti qualcuno l’ha fatto – ed è un esempio per tutti gli altri. Come riporta la Cnn si tratta di tre grossi marchi: Gucci, Yves Saint Laurent e Alexander McQueen, che hanno stabilito che ricorreranno a modelle esclusivamente over 18 (ma anche modelli, si intende) a partire dal 2020. Tutti e tre i marchi sono detenuti dal gruppo francese Kering.

Sfogliamo insieme la gallery per scoprire di più.