logo
Stai leggendo: 10 Incredibili Segreti sui Voli Aerei Svelati dalle Hostess

10 Incredibili Segreti sui Voli Aerei Svelati dalle Hostess

Quando si prende un aereo le domande che ci frullano in testa sono sempre tante: per fortuna gli assistenti di volo ci sono venuti in aiuto svelandoci grandi segreti sui voli e sul dietro le quinte di un'aeroporto. Ecco 10 punti da leggere con attenzione!
Fonte: Web
Fonte: Web

Se avete sempre pensato che ci sono troppi segreti che corrono lungo lo stretto corridoio di un aereo che non ci vengono raccontati, avevate ragione! Dopotutto in qualsiasi lavoro ci sono “trucchi” del mestiere che non si rivelano al pubblico, ma se si tratta di volare, alcune persone preferiscono sapere tutto per bene in modo da essere preparate.

Un utente ha lanciato un appello nella community di Reddit ai lavoratori delle linee aeree per sapere qualche segreto in più sul loro magico mondo e la risposta è stata grande. Alcuni non sono veri e propri segreti, piuttosto informazioni, altri invece ci hanno messo un po’ di ansia addosso!

Leggete questa lista per scoprire i 10 segreti più affascinanti sulle linee aeree!

1.Volare gratis? Si può!

Fonte: Karlie Kloss
Fonte: Karlie Kloss

Se lavori per una linea aerea o sei sposato o figlio di qualcuno che ci lavora, puoi avere biglietti aerei molto scontati o volare a prezzi bassissimi su tutte le linee aeree della compagnia. Le compagnie offrono gli “ID Tickets” (dove ID sta per “industry discount”, praticamente “sconto dipendenti’) dove sono da pagare soltanto le tasse e nulla di più. Sono dei biglietti in stand-by, dove sali solo se c’è posto, ma il familiare può volare anche non accompagnato dal dipendente. La figlia di un pilota ha rivelato che è possibile acquistare non solo voli della compagnia per cui lavora il parente, ma anche di tutte le altre linee comprese nella flotta. Pensate che un biglietto di andate e ritorno dall’Europa al Giappone le è costato solo 200 dollari in business class e se avesse scelto l’economy lo avrebbe pagato solo 50 dollari.

2. I cani soffrono mentre i gatti…

Fonte: todogwithlove.com
Fonte: todogwithlove.com

Far volare i nostri amici a quattro zampe non è mai piacevole, eppure a volte necessario. Un’assistente di volo ha svelato che i cani sono probabilmente spaventati ancora prima di salire su un aereo (dopotutto non sono abituati a stare in un trasportino) ma che gli agenti che li portano nell’area a loro riservata nella pancia dell’aereo spesso cercano di confortare l’animale parlandogli. Purtroppo però non possono fare molto altro ed è quindi molto utile e consigliato scrivere il nome dell’animale sopra la gabbia. Se i cani sono fifoni, la controparte felina invece non si spaventa molto a volare: tranquilli e noncuranti come sempre.

3. Scorciatoie segrete!

Fonte: Web
Fonte: Web

Se siete mai capitati al posto vicino al corridoio avrete sicuramente notato con grande irritazione che i braccioli non possono essere alzati: a quanto pare invece c’è un piccolo pulsante nascosto nel lato inferiore del bracciolo che lo fa alzare. Purtroppo però le assistenti di volo potrebbero richiederti di riabbassarlo. Un’altro segreto è invece nascosto nel bagno: c’è un piccolo chiavistello nascosto dietro l’insegna della toilette che ti permette di aprire la porta anche se bloccata dall’interno. Se da una parte non ci piace sapere che qualcuno potrebbe aprire la porta da fuori, siamo sollevati che c’è un modo da uscire da quel cubicolo casomai si incastrasse la porta.

4. Stili di volo diversi

Fonte: Web
Fonte: Web

Pensavate che ci fosse un solo modo di volare? Non è così! Per quanto riguarda il traffico aereo sopra i cieli americani ci sono diversi trucchetti che alcune linee aeree applicano che incidono principalmente sulla velocità del volo:

“La Southwest ad esempio vola a pipistrello e poi richiede alla torre di controllo direzioni di rotta e scorciatoie in mezzo al traffico aereo e questo modo di volare è un po’ la loro firma. Accorciano così le ore di volo. American Airlines invece vola più lentamente per offrire al passeggero un viaggio più tranquillo e annunciano sempre le turbolenze dove altri magari andrebbero tranquilli. Sembrano piccole cose ma incide molto sul traffico aereo: ad esempio possiamo sempre contare sulla Southwest per una discesa veloce.”

5. Perché perdono sempre i bagagli?

Fonte: Web
Fonte: Web

Leggete attentamente perché purtroppo questo capita più spesso di quanto sembra: è successo anche a noi! Gli addetti ai lavori hanno infatti svelato i diversi motivi per cui la nostra valigia può andare persa e non arrivare insieme a noi a destinazione:

  • I servizi che si occupano della sicurezza aeroportuale (in Usa è la TSA) hanno deciso di controllare nuovamente la vostra valigia e per farlo ci hanno messo troppo tempo ridando indietro la valigia 10 minuti dopo la partenza del volo.
  • Qualcuno nella stanza dei bagagli sbaglia e mette la vostra valigia su un carrello insieme ad altre del volo successivo: gli addetti ai bagagli si accorgono dell’errore solo nel momento di caricare le valigie sull’aereo!
  • La valigia rimane incastrata da qualche parte nel rullo trasportatore o viene mandata nel posto sbagliato (purtroppo succede!)
  • Un addetto ai bagagli è stato incaricato di portare la vostra valigia nella stanza apposita perché troppo grande da mettere sul rullo o perché magari ha un’etichetta illeggibile dallo scanner, indaffarato a fare altro purtroppo se ne ricorda solo quando il volo è già partito.
  • Siete arrivati troppo tardi in aeroporto, poco prima della chiusura del check-in e visto che la TSA impiega circa 15 minuti a fare i controlli, il bagaglio verrà rilasciato troppo tardi per il volo.
  • Siete arrivati troppo presto (5 ore prima del volo) e visto che nella stanza dei bagagli la priorità sui carrelli è data ai voli in partenza, la valigia finisce per essere messa in un’angolo per non intralciare e dimenticata lì.
  • Non succede quasi mai, ma potrebbe cadere dal carrello dei bagagli in pista e nessuno lo nota!

6. Quando prenotare i voli

Fonte: Getty Images
Fonte: Web

Prendere nota! Il momento in cui è più conveniente comprare un volo è il giovedì pomeriggio mentre i giorni più economici per volare sono il martedì, mercoledì o il sabato.

7. Menù separati

Fonte: NBCNews
Fonte: NBCNews

Sebbene non sia nel regolamento ufficiale ma è una cosa a discrezione delle linee aeree, un utente ha rivelato che ai piloti viene servito un pasto diverso e hanno il divieto di condividerlo: questo per evitare che solo uno dei due stia male in caso di avvelenamento/intossicazione alimentare.

8. Quanto dura l’ossigeno?

Fonte: Web
Fonte: Web

Questa domanda tormenta tutti i paurosi dell’altitudine: quanto dura l’ossigeno in caso di pericolo? Gli addetti ai lavori ci fanno sapere che se la cabina si sta per depressurizzare, ci sarà ossigeno solo per 12 minuti, che è la quantità necessaria per la depressurizzazione durante la discesa dai 40 mila piedi fino all’altezza più sicura di circa 10 mila piedi.

9. Gentilezza prima di tutto!

Fonte: Austrian Airlines
Fonte: Austrian Airlines

Sembra scontato dirlo ma con la gentilezza si ottiene quasi tutto. Gli assistenti di volo hanno confermato che non aiutano chi è maleducato: se ci fosse un problema durante il volo, che si tratti di un vicino rumoroso o una preferenza con il pasto, sono più inclini a trovare una soluzione se la domanda viene posta con cortesia. Se invece il passeggero si rivolge in modo maleducato o aggressivo, il servizio viene ridotto al minimo necessario.

10. Segreti e consigli dagli assistenti di volo!

Fonte: Steamline Luggage
Fonte: Steamline Luggage

A quanto pare, oltre al fattore gentilezza, gli assistenti di volo potrebbero trattare il vostro vicino di posto con più riguardo: questo succede perché hanno una lista dei passeggeri in cui è indicato chi c’è seduto ad ogni posto. Potrebbero trattare meglio un passeggero abituale oppure un’altro dipendente, familiari e amici o qualcuno di importante.

Un consiglio spassionato che arriva dagli assistenti di volo è anche quello di investire in valigie solide perché saremo soltanto noi, i proprietari, a trattarle con gentilezza.

Infine, c’è l’annosa questione del overbooking. A quanto pare la maggior parte delle compagnie aeree vendono più biglietti di quanti sono i posti disponibili e questo succede perché contano sua una percentuale fissa di persone che perdono il volo! Quindi se non avete il posto assegnato, potreste non riuscire a salire a bordo ed è per questo che chiedono sempre a dei volontari di cedere il loro posto in cambio di un voucher.