Perché questa canzone potrebbe aver salvato la vita di tantissime persone

Secondo uno studio pubblicato su una nota rivista scientifica e riportato da Il Post, sarebbe una canzone del rapper americano Logic dedicata alla prevenzione dei suicidi, ad aver salvato la vita a decine di persone: ecco perché.

Numerose ricerche nel corso degli ultimi anni, hanno dimostrato come segnalazioni e notizie ripetute relative a suicidi o ad azioni potenzialmente letali, inneschino inevitabilmente un aumento dei suicidi: tale dinamica è ormai nota come effetto Werther.

Al contrario, alcune narrazioni relative al suicidio potrebbero esercitare effetti preventivi: le storie che hanno visto protagoniste persone che sono riuscite a far fronte a crisi suicidarie senza perdere la vita, e che hanno avuto maggiore risonanza grazie ai media, sono state infatti associate a una sostanziale riduzione degli episodi suicidari successivi. Tale fenomeno viene definito come effetto Papageno.

In contrasto con gli studi sull’effetto Werther, la maggior parte degli studi sull’effetto Papageno ha utilizzato disegni sperimentali, prendendo in esame come risultato i pensieri suicidi piuttosto che le morti per suicidio: coerentemente con le prove effettuate nel corso del tempo, è emerso come le narrazioni di speranza e recupero da una crisi suicidaria proposte dai media siano associate a una riduzione dei pensieri suicidi, in particolare nei soggetti che presentano alcuni fattori di rischio correlati a un comportamento suicidario o a forme di autolesionismo.

Alla luce di quanto emerso, viene da sé che per prevenire il suicidio è fondamentale che gli sforzi educativi sfruttino i media per educare il pubblico in generale, così come i gruppi di soggetti ad alto rischio senza danneggiarli: la grossa lacuna emersa infatti dalle ricerche dedicate a un argomento così delicato, è rappresentata dalla scarsa eco e copertura mediatica che ricevono generalmente le storie di speranza e di recupero rispetto alle storie di morte proprio a causa del suicidio. Tuttavia, un episodio particolare, divenuto un vero e proprio caso studio, è stato pubblicato dalla rivista scientifica British Medical Journal, dando così un valore ancor più concreto a quanto appreso fino ad ora in merito al suicidio.

Il 28 aprile 2017, l’artista hip hop americano Logic ha pubblicato la sua canzone 1-800-273-8255, il cui titolo riprende il numero della US National Suicide Prevention Lifeline: il testo della canzone è focalizzato sulla storia di un ragazzo che chiama il numero di Lifeline, dicendo al consulente di non voler più vivere. Assolutamente emblematico anche il video musicale di accompagnamento, nel quale Logic canta assieme ad Alessia Cara e Khalid: rilasciato 4 mesi dopo l’uscita del singolo, da allora ha ricevuto più di 432 milioni di visualizzazioni su YouTube

Il “cortometraggio” ritrae un giovane uomo nero che, alle prese con la discriminazione, con gli abusi e il bullismo da parte di coetanei e adulti semplicemente perché omosessuale, è pronto a togliersi la vita, salvo poi prendere il telefono per chiamare Lifeline, segnando in questo modo un punto di svolta verso il miglioramento e la padronanza della propria crisi

L’uscita della canzone 1-800-273-8255, ha segnato dunque l’inizio di una serie di eventi mediatici che hanno promosso tale storia di speranza e di recupero narrata nella canzone, unitamente al numero di telefono di prevenzione dei suicidi Lifeline. Lo stesso Logic ha eseguito il proprio brano agli MTV Video Music Awards alla fine di agosto 2017 dinanzi a un pubblico di 5,4 milioni di spettatori promuovendo ancora una volta il numero di emergenza.

Record di suicidi tra bambini e ragazzi in Giappone. Cosa sta succedendo?

Etichettata dai media come “inno alla prevenzione del suicidio”, 1-800-273-8255 è entrata nella Top 10 delle classifiche musicali Billboard Hot 100 negli Stati Uniti, cavalcando la vetta per diverse settimane e classificandosi addirittura al terzo posto nel settembre 2017. L’uscita del brano è stata al contempo associata ad un incremento del 10% delle ricerche effettuate su Google per quanto concerne Lifeline, questo nei soli 28 giorni successivi alla relativa uscita. Alla fine del 2020, la canzone aveva addirittura superato il miliardo di stream su SpotifyLa canzone scritta e cantata dal rapper statunitense Logic rappresenta dunque con ogni probabilità, il messaggio di prevenzione del suicidio più ampio e sostenuto di sempre, direttamente collegato a una storia di speranza e recupero, rappresentando tuttavia un evento fortuito per la ricerca. 

Per valutare se il brano fosse realmente associato alla conseguente ricerca di aiuto o ai suicidi, è stata pertanto condotta dai ricercatori un’analisi temporale, prendendo in esame le associazioni tra la canzone di Logic e le chiamate quotidiane effettuate al numero Lifeline, nonché i suicidi giornalieri registrati negli Stati Uniti. Secondo lo studio, nei 34 giorni nei quali la canzone aveva ottenuto la massima risonanza sui media, tra cui quelli successivi alla sua uscita così come quelli seguenti alle due importanti esibizioni, la linea telefonica Lifeline aveva ricevuto quasi 10 mila chiamate in più rispetto a quelle stimate, con un incremento del 6,9% rispetto al traffico auspicato.

Effettuando poi un confronto con l’andamento storico dei suicidi, gli stessi ricercatori hanno osservato che nello stesso periodo, negli Stati Uniti sono stati registrati 245 suicidi pari al 5% in meno rispetto a quelli attesi. Con grande delicatezza e cautela, lo studio è riuscito dunque a porre in relazione questa significativa diminuzione del tasso di suicidi proprio con il brano Logic: la sua ampia e capillare diffusione così come la sensibilità con cui tratta la questione della salute mentale, avrebbero contribuito di fatto a far comprendere al pubblico che l’aiuto della linea di prevenzione Lifeline “c’è ed è realmente efficace”.

La musica può salvare la vita in concreto grazie ad un semplice messaggio positivo che, se recepito correttamente, è tanto potente da porre un punto di svolta anche di fronte alle più dure difficoltà.

Articolo originale pubblicato il 22 Dicembre 2021

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!