logo
Stai leggendo: Ecco il letto che rimette al proprio posto i partner che “sconfinano” nella nostra metà

Ecco il letto che rimette al proprio posto i partner che "sconfinano" nella nostra metà

Si chiama "Lane Keeping Bed" e trasporta il partner nella sua parte di letto in caso di invasione indesiderata di spazio. Un'ottima soluzione per chi non riesce a dormire per via di compagni scalmanati che proprio non ne vogliono sapere di stare fermi.

Dormire nel letto matrimoniale con il proprio partner è sempre un’esperienza piacevole. Un rituale della sera che ci permette di sentirci sicuri e protetti, magari sotto il caldo del nostro bel piumone quando le temperature esterne sono artiche. Sempre piacevole, sì, tranne quando, a notte fonda, ci si rende conto di dormire in pochissimi centimetri di spazio, sul bordo, magari anche senza coperte e rischiando di capitombolare per terra da un momento all’altro.

A chi non succede di dove spostare con la forza bruta il proprio partner o, non riuscendoci, di implorare con tono tra il supplichevole e l’esasperato perché se ne torni nel suo spazio? Oggi esiste la soluzione (che non è andare in palestra per incrementare la massa muscolare o tornare single).

Il suo nome è “Lane Keeping Bed” e l’azienda che l’ha progettato e realizzato è la Ford, nota soprattutto per il settore automobilistico ma che ama sperimentare soluzioni anche in altri campi. Ci duole comunicarvi, però, che questo letto rimane, per ora, solamente un prototipo e un monito di speranza per sonni tranquilli futuri. Non è da escludere, però, che si decida di immetterlo nel commercio e che possa approdare prima o poi nelle nostre case.

Il suo funzionamento, tutto sommato, è abbastanza semplice. Il materasso è dotato di sensori di pressione che rilevano gli spostamenti e, in caso di invasione, attivano un rullo trasportatore che ha lo scopo di trascinare delicatamente il partner con poco senso dello spazio altrui nella sua parte di letto. Tutto nel silenzio e nella tranquillità della notte che rimane così indisturbata e può continuare a scorrere senza che uno dei due si svegli precipitando o con le borse sotto gli occhi.

L’idea, nata in partenza nel campo dell’automobile, è stata successivamente applicata al letto. Si ispira al “Lane Keeping Assist” che avvisa il conducente tramite la vibrazione del volante quando l’auto cambia involontariamente corsia e che, in caso di assenza di risposta da parte del guidatore, riporta automaticamente la macchina in carreggiata. Lo stesso meccanismo è stato trasportato dallo staff creativo di Ford in un altro campo. Lo scopo è quello di creare innovazioni che possano rivelarsi utili anche in altri ambiti della vita, soprattutto quelli quotidiani.

Una soluzione, tutto sommato, che si può rivelare più necessaria di quanto si immagini. Non sono pochi, infatti, i casi in cui una coppia litighi a causa dei problemi nel dormire. Ci sono addirittura matrimoni rovinati per questo motivo. Si stima che lo “Sleep divorce”, cioè il dormire separati a causa di problemi logistici di notte, colpisca circa il 40% delle coppie. Un dato abbastanza alto che rivela un problema da non sottovalutare. Chissà se la Ford Europe, in futuro, potrà aiutarci ad abbattere questa percentuale elevata con il suo rullo trasportatore.

Rating: 3.6/5. Su un totale di 5 voti.
Attendere prego...