logo
Stai leggendo: “Da uomo voglio dire che le mestruazioni delle donne non sono un crimine”

"Da uomo voglio dire che le mestruazioni delle donne non sono un crimine"

Le mestruazioni sono ancora viste come un peccato mortale in molti paesi. Per fortuna, esistono anche uomini come Manuj che lottano per far conoscere (e, forse, cambiare) le cose.

Voglio dire, se nel mondo esistesse la giustizia, non dovresti nemmeno andare a scuola durante il ciclo… Dovresti stare a casa per cinque giorni, mangiando cioccolato e piangere… Il ciclo non è qualcosa di schifoso, e non è troppo strano o inappropriato parlarne… È naturale… Sì, ogni ragazza sanguina ogni mese per 5 giorni. Non mi vergogno di mettervi di fronte a questo. Sì, sto parlando di mestruazioni. I 5 giorni dolorosi che ogni ragazza attraversa.

Le mestruazioni non sono nulla da nascondere!
In quei 5 giorni in un mese, la maggior parte delle ragazze ha paura di parlarne! Parliamo di cosa si pensa in India del ciclo:

1. Cosa sono le mestruazioni?
Risposta: Una malattia che di solito colpisce le donne, in cui fuoriesce del liquido.
2. Cosa succede alle donne quando hanno il ciclo?
Risposta: Le donne diventano noiose, inattive, deboli e hanno un cattivo odore.
3. Che cosa fai se vedi una chiazza di sangue su un abito femminile?
Risposta: Chiedo a una ragazza di dirglielo senza metterla in imbarazzo.
4. Perché gli uomini non possono informarla?
Risposta: Queste cose dovrebbero essere tenute nascoste.
5. Le donne dovrebbero smettere di entrare nei templi?
Risposta: Sì. Perché loro stesse non si sentono pulite.
6. Perché alle donne non è permesso entrare nel tempio?
Risposta. Le donne sono intoccabili durante il loro periodo.
7. Il sangue del ciclo è cattivo?
Risposta: Sangue del ciclo = pipì = cacca.

Gli uomini indiani cresceranno mai?

Sapete che ogni ragazza almeno una volta nella vita si pente di essere nata donna? Non a causa del dolore fisico, ma a causa di queste ferite mentali!
Non le è permesso entrare nel tempio! Perché ? Perché lei non è pura!
Lo sapete?
Il tempio indù dichiara che permetterà alle donne di entrare solo quando una macchina per lo screening sarà progettata per controllare che nessuno entri con le mestruazioni!
Siete scioccati? Sì, lo ero anch’io quando ho letto questa notizia! Cosa può esserci peggio?

Non le è permesso cucinare il cibo nella sua cucina!
Non le è permesso toccare i sottaceti!
È vista come una criminale il cui unico crimine è stato nascere donna!

Tutti dicono, SIAMO FIGLI DI DIO!
Allora, perché Dio dovrebbe impedire ai suoi figli di entrare nella sua casa?
Siamo parte di questo paese in cui le mestruazioni sono considerate un peccato!”

Il post che avete appena letto è uno dei tanti che descrivono la situazione terribile a cui sono sottoposte le donne in India durante il loro ciclo mestruale, visto ancora come un peccato che rende impure e indegne di vivere in comunità. Se pensiamo alla pratica orribile del Chaupadi, capiamo quanto pregiudizi e falsi miti sulle mestruazioni siano ancora diffusi in moltissime aree del mondo.

Ciò che sorprende di questo post è che a scriverlo sia un ragazzo, Manuj Varman che, sulla sua pagina Instagram, dedica molti pensieri alla condizione femminile nel mondo. A riprova del fatto che, forse, una speranza per cambiare le cose ancora c’è.

Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...