logo
Stai leggendo: Deumidificatore fai da te per tenere sotto controllo l’umidità in casa

Deumidificatore fai da te per tenere sotto controllo l'umidità in casa

Problemi di umidità e muffa in casa? Provate a realizzare un deumidificatore fai da te per risolvere il problema!

In tutte le case può presentarsi il problema di umidità in eccesso, soprattutto durante i mesi piovosi, ai cambi di stagione e se non si hanno infissi termici e mura coibentate. La situazione poi peggiora se si formano ristagni d’acqua vicino alla casa, pensiamo ad esempio ai balconi o ai davanzali di finestre e porte finestre: se l’acqua non defluisce bene, viene immancabilmente influenzato anche il clima all’interno dell’abitazione.

Per quanto riguarda l’interno l’umidità viene favorita e peggiorata dal vapore proveniente dalla doccia o dal bagno e anche dalla cucina quando sui fornelli ci sono molte pentole: in questo caso una buona abitudine è quella di azionare la cappa.

Ci sono alcuni accorgimenti che è bene tenere a mente per non far aumentare il tasso di umidità in casa, uno fra tutti è quello di areare sempre bene tutte le stanze, soprattutto la cucina e il bagno: in cucina dopo aver usato i fornelli e se la temperatura esterna lo permette sarebbe bene aprire la finestra per far uscire per quanto possibile il vapore formatosi dalla cottura dei cibi; in bagno è necessario aprire la finestra dopo l’uso di doccia o vasca. Soprattutto nella stagione fredda sarebbe una buona abitudine approfittare delle giornate di sole per aprire tutte le finestre e far entrare aria per asciugare gli ambienti, limitare l’umidità e anche la formazione di muffa.

Un altro modo per tenere sotto controllo l’umidità è quello di limitare al massimo di stendere i panni in casa su stendini e termosifoni e anche di annaffiare troppo le piante che si posizionano nelle varie stanze così da evitare eventuali ristagni d’acqua.

Se nonostante tutti gli accorgimenti descritti l’umidità in casa è ancora troppa è necessario usare in ogni stanza un deumidificatore, ma se non si vogliono spendere soldi in un deumidificatore elettrico (seppur molto utile e risolutivo) si può optare per un deumidificatore fai da te: in rete si trovano tanti spunti per realizzarlo con pochi euro di budget.

Deumidificatore fai da te col sale

deumidificatore fai da te sale
fonte: web

Un amico prezioso per attenuare l’umidità è il sale: lo abbiamo tutti in cucina e oltre ad essere usato per insaporire le pietanze possiamo anche utilizzarlo per assorbire l’umidità in eccesso. Basta posizionare dei contenitori in ogni stanza (meglio se agli angoli del perimetro) e versare il sale grosso. A seconda del grado dell’umidità degli ambienti il sale man mano assorbirà l’umidità bagnandosi con più o meno rapidità: quando lo troverete umido dovrete sostituirlo con un’altra quantità asciutta. Quello bagnato, se riuscite a farlo asciugare, può essere riutilizzato ancora come deumidificatore naturale fai da te.

Deumidificatore fai da te in bottiglia

Realizzare un deumidificatore fai da te in bottiglia è davvero facilissimo: prendete una bottiglia di plastica, tagliatela a metà e asciugate bene. Poi ritagliate ancora la parte alta della bottiglia in modo che capovolgendola si incastri nell’altra parte della bottiglia tagliata. Togliete il tappo e chiudete il buco con un pezzo di carta stagnola fermandola bene con dello scotch, poi forate l’alluminio con la punta di un paio di forbicine per creare un effetto doccia. A questo punto incastrate la parte alta della bottiglia nell’altra e riempite con del sale fino, considerate che circa 150 grammi di sale vanno bene per un ambiente di circa 5×5 metri.

Man mano che il sale assorbirà l’umidità, l’acqua verrà filtrata e passerà dai fori della carta argentata, la troverete nella base della bottiglia. Quando il sale sarà tutto bagnato dovrete sostituirlo.

Deumidificatore fai da te con ventola

Se avete un po’ più di manualità potete cimentarvi in un rudimentale deumidificatore elettrico semplicemente usando un secchio di plastica con dei fori nella parte alta, una zanzariera, del sale grosso e due piccole ventole per far muovere l’aria che attraverserà quindi più facilmente la parte del deumidificatore che contiene il sale.