logo
Stai leggendo: Questa Notte Marte Sarà Vicinissimo Alla Terra. Ecco Gli Effetti Che Potrebbe Avere Su Di Noi

Questa Notte Marte Sarà Vicinissimo Alla Terra. Ecco Gli Effetti Che Potrebbe Avere Su Di Noi

Questa notte alzate lo sguardo verso il cielo, perché Marte sarà vicino alla Terra come non accadeva da 11 anni. Ma quali saranno gli effetti che l'astro, da sempre considerato dall'astrologia come "malefico", avrà sul nostro comportamento? Dobbiamo essere preoccupate? Forse no, anzi...
Fonte: web
Fonte: web

Non accadeva da 11 anni, questa notte il pianeta Marte sarà distante da noi “solo” 75,3 milioni di chilometri, il che lo renderà, maltempo permettendo, un puntino luminoso ben visibile nel cielo notturno. L’ora della minima distanza avrà il picco alle 23:34, ma il momento di migliore di visibilità sarà all’una di notte. Sarà possibile seguire l’evento anche grazie alla diretta del Virtual Telescope, trasmessa online sul Canale Scienza & Tecnica dell’Ansa a partire dalla mezzanotte.

E mentre alcune di noi, astronome mancate, stanno accogliendo l’evento con trepidante attesa, le altre sono invece più preoccupate per gli effetti negativi che il pianeta rosso potrebbe avere sui nostri comportamenti. Infatti, così come la Luna è in grado di influenzarci quando splende piena nel cielo, anche la vicinanza di Marte potrebbe in qualche modo sconvolgere il nostro equilibrio interno; e se il nostro satellite ha, tutto sommato, un’indole pacifica, non si può dire lo stesso del pianeta eretto dagli antichi a simbolo della guerra.

È infatti risaputo come in astrologia Marte, assieme a Saturno, sia un astro malefico, in grado di influenzarci negativamente, soprattutto per quanto riguarda le questioni più durature e gli aspetti più radicati in noi, lasciando invece ai pianeti più vicini alla Terra  l’influenza sulle situazioni più passeggere e superficiali. Quindi, oltre al lavoro, stress, traffico, pioggia (e magari ciclo) anche Marte oggi potrebbe aggiungersi all’elenco delle nostre quotidiane disgrazie. Dobbiamo quindi prepararci ad affrontare anche qualche epico scontro con i nostri più acerrimi nemici?

Fonte: Giphy.com
Fonte: Giphy.com

In realtà non dovremmo essere così diffidenti nei confronti del pianeta rosso, perché è vero che i Romani lo collegarono al Dio della guerra e dei conflitti, ma non dobbiamo dimenticare che, dopo Giove, era anche il più venerato. Ciò non dipende solo dall’inclinazione bellica dei nostri antichi avi, ma soprattutto al fatto che per loro Marte non significava solo distruzione, era innanzitutto sinonimo di mutamento.

Ciò è legato, dal punto di vista astrologico, anche al fatto che l’astro occupa l’ultima posizione dei pianeti superiori (Saturno, Giove e Marte) e dunque interessato a regolare il termine dei conflitti e l’esito delle guerre. Quindi si trova a essere il responsabile della nascita di nuove situazioni, diverse da quelle di partenza, ovvero a essere il fautore di cambiamenti. A questo aspetto sono quindi legate alcune caratteristiche positive, che gli stessi antichi attribuivano a Marte. Prima fra tutte la forza combattiva, la determinazione, la volontà. Quindi se questa sera proverete finalmente lo strano impulso di dare un senso all’abbonamento in palestra, già pagato e mai sfruttato, potrebbe proprio essere opera di Marte. E quando deciderete di ignorare quell’impulso (come è ovvio che accadrà) potrete usare invece la vicinanza del pianeta come scusa per buttare i vecchi vestiti, e finalmente fare spazio e ordine nel guardaroba per una nuova ondata di shopping. Dopotutto agli astri non si comanda e se Marte impone cambiamento, che cambiamento sia!

Le possibili influenze positive di Marte però non si esauriscono qui. Anche la lealtà e il rifiuto dell’ipocrisia sono virtù di cui si rende portatore e che dovrebbero spingerci verso “battaglie” combattute in nome della verità e dell’onestà. Inoltre, ultima, ma non meno importante: la passione. Il pianeta rosso è infatti sempre stato sinonimo di amori infuocati e “sfrenate passioni”, per citare la sigla della tanto amata eroina anni ’90 Xena, le cui varie scappatelle con Ares ci dimostrano appieno cosa vogliamo intendere. Dunque, proprio stanotte, potremmo forse sperimentare un assaggio di questa convinzione astrologica. Tentare non cosa nulla.

Fonte: Giphy.com
Fonte: Giphy.com

Quindi, anche le più timorose tra noi questa sera potranno alzare lo sguardo verso il cielo, senza aver paura del pianeta rosso, che se proprio dovrà influenzarci davvero, al massimo ci farà vivere una notte tra le lenzuola da non dimenticare.