logo
Stai leggendo: No ai “Primi Piani Di Grasso E Cellulite”: Facebook Censura La Foto Di Una Modella Plus-size

No ai "Primi Piani Di Grasso E Cellulite": Facebook Censura La Foto Di Una Modella Plus-size

Facebook ha rifiutato di promuovere la fotografia di una modella plus-size perché sarebbe stata contraria alle proprie politiche di fitness e salute. Ecco come si è comportato ha fatto il social network...
Fonte: web
Fonte: web

Tess Holliday è diventata famosa perché è una modella fuori dagli standard, essendo decisamente plus-size. Ha dovuto infatti combattere non poco per superare certi stereotipi e poter realizzare il sogno di una vita. Eppure, pare che la sua immagine susciti comunque ancora delle resistenze, e questa volta a porle è lo stesso Facebook.

Il talk show femminista Cherchez la Femme è un programma televisivo che va in onda in Australia e per promuovere il suo prossimo evento (a tema “femminismo e grasso”) si è rivolto, come ormai fanno tutti, a Facebook. Come immagine di anteprima hanno utilizzato una foto della modella Tess Holliday, ma al social la scelta non è andata a genio. Di fronte alla richiesta di mettere in evidenza l’evento, per aumentarne la visibilità, Facebook ha risposto infatti rifiutandosi, in quanto ha ritenuto l’immagine contraria alle proprie politiche di fitness e salute, ignorando quindi che l’obiettivo dell’evento era comunque quello di aprire una discussione in merito all’accettazione del proprio peso e promuovere una visione positiva del corpo.

A una prima richiesta il social network ha risposto consigliando di utilizzare un’immagine più consona all’evento, ritraenti per esempio attività quali jogging o l’andare in bicicletta. Pensando si trattasse di un malinteso, lo staff di Cherchez la Femme ha insistito, incontrando però un netto rifiuto di Facebook, che si è così giustificato:

“L’immagine non è stata approvata perché contraria alla nostra politica su Salute e Fitness. Mostra un corpo o parti del corpo in un modo indesiderabile e include primi piani di grasso e cellulite e la promozione di una condizione medica negativa, come i disordini alimentari. Il post non verrà rimosso, ma non può apparire come annuncio”.

Fonte: web
Fonte: web

Superata la perplessità iniziale, i promotori del talk hanno risposto sostituendo l’immagine con la fotografia ironica di una donna in sovrappeso a cavallo di una bici. Ovviamente hanno però diffuso la notizia e un coro di voci si è levato in loro sostegno, tanto che Facebook è tornato sui propri passi e ora l’evento è visibile con la foto originale.

Da un lato questa iniziale resistenza di Facebook ci lascia un po’ perplesse e ci sorprende non poco, soprattutto alla luce del fatto che immagini ben più “pericolose” vengono pubblicate sul social ogni giorno, senza che questo avanzi alcuna lamentela; dall’altro lato non siamo però del tutto convinte che la fotografia della modella sia in effetti l’immagine migliore per promuovere un evento con tale finalità. Voi cosa ne pensate amiche? Si è trattato di un tentativo di Facebook di difendere la propria “etica”, oppure di un rifiuto preciso a un determinato canone di donna?