diredonna network
logo
Stai leggendo: Cecil, il Leone Simbolo dello Zimbabwe Ucciso da un Dentista: lo ha Decapitato

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Cecil, il Leone Simbolo dello Zimbabwe Ucciso da un Dentista: lo ha Decapitato

Il dottor Walter Palmer ha ucciso Cecil, raro esemplare di leone. Appassionato di caccia sportiva di animali rari comparirà davanti al giudice il 6 agosto. E il popolo del web insorge.
Fonte Web

Cecil era un leone di una specie rara, aveva 13 anni e viveva in un parco protetti per animali il Hwange National Park. Come potete notare, ragazze, parlo al passato: l’animale, infatti, è stato ucciso in una battuta di caccia. E l’uomo responsabile del gesto ha ora un’identità: si tratta del dentista americano Walter Palmer, appassionato di caccia sportiva di animali rari.

Facciamo un passo indietro: Cecil rientrava in un programma di studi dell’University of Oxford. Esemplare di pregio, dal 1999 aveva al collo un GPS per permettere ai ricercatori di monitorare ogni suo spostamento. Tuttavia, nonostante il dispositivo, il leone è stato attirato fuori dell’area protetta (in cui è vietata la caccia) ed è stato colpito con una freccia. Un boccone di carne per tentarlo e l’animale è diventato una preda facile.

Successivamente, prima di essere ucciso con alcuni colpi di fucile, Cecil è stato anche seguito per circa 40 ore. Ed infine l’epilogo della vicenda: il corpo del leone è stato trovato decapitato e spellato fuori dal parco agli inizi di luglio.

Il 6 agosto, quindi, il dottor Palmer dovrà rispondere del gesto davanti ad un giudice. Secondo un rapporto reso noto dal The Telegraph, comunque, sembra che l’uomo appia pagato 55.000 dollari per poter cacciare il leone.

Stando a quanto trapelato, tuttavia, il cacciatore si è avvalso anche della collaborazione di un professionista, Theo Bronchorst, che al momento risulta essere latitante e ritenuto responsabile di aver offerto a Cecil il boccone di carne che l’ha spinto fuori dall’area protetta.

Ad identificare il cacciatore con il nome del dottor Walter Palmer è stato il dipartimento del turismo dello Zimbabwe, che ha postato un tweet a riguardo:

A seguito di tutto questo, un portavoce del dentista ha rilasciato poche parole per far sapere che “il dottore è molto turbato per l’accaduto, ma crede di aver agito nella legalità e di essersi mosso con tutte le autorizzazioni del caso“. Il dottor Palmer, infatti, è un cacciatore esperto.

Tuttavia, per motivi analoghi legati alla caccia di un orso nel Winsconsin, nel 2008 il dentista fu condannato alla libertà vigilata per un anno e ricevette una multa di 2.939 dollari. E già precedentemente aveva pagato 4.500 dollari per aver catturato un alce appartenente anch’esso ad una specie protetta.

Il dentista, quindi, ha fatto sapere che al momento non è stato condannato né dalle autorità dello Zimbabwe, né tanto meno dagli Stati Uniti. Si legge nella sua dichiarazione:

Sono consapevole di aver partecipato ad un viaggio organizzato correttamente e nel pieno rispetto delle leggi. Non avevo idea che il leone rientrasse in un programma di protezione perché mi sono affidato alle guide professionali del territorio. Esprimo, quindi, una profonda sofferenza per il mio gesto. La caccia, infatti, è un’attività che amo e che pratico in modo responsabile.

In risposta al comunicato del medico il web si è mobilitato: sui social network è stato lanciato un apposito hastag #giustiziaperCecil per sensibilizzare e far riflettere la popolazione di tutto il mondo. Post, foto, petizioni stanno facendo il giro del mondo a tutela non solo dell’esemplare deceduto, ma anche dei suoi cuccioli.

Fonte Web