diredonna network
logo
Stai leggendo: “Mamma Non mi Piaccio, Voglio Morire”: le Strazianti Parole di Morgan, 5 anni

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Donne senza figli: “Non sei mamma, non puoi capire" e quelle frasi di chi ha figli a chi non ne vuole

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

"Mamma Non mi Piaccio, Voglio Morire": le Strazianti Parole di Morgan, 5 anni

Morgan Bishop è un bambino americano di 5 anni affetto da una grave malattia della pelle. I dolori terribili che è costretto a provare quotidianamente l'hanno spinto a chiedere alla madre di poter morire.
Fonte Web
Fonte Web

Preparate i fazzoletti, ne avremo bisogno: la storia che sto per raccontarvi è davvero straziante. Di quelle che arrivano dritte al cuore e colpiscono profondamente, soprattutto se pensate che il piccolo protagonista è un bambino americano di soli 5 anni.

Morgan Bishop, infatti, è affetto da una gravissima forma di eczema che gli impedisce di avere una vita normale. Un dolore costante, infatti, non lo fa dormire, mangiare, né tanto meno correre. Fatica ad uscire di casa, difficilmente riesce a frequentare gli altri bambini ed è in difficoltà a compiere anche i gesti più semplici. Vive una situazione di profondo disagio che l’ha spinto a chiedere alla mamma di poter morire.

Parole dure, terribili da ascoltare. Ancor più drammatiche se si pensa che provengono da un bambino così piccolo. E altrettanto toccanti sono i commenti della madre Dana:

Proprio il giorno del suo quinto compleanno Morgan mi ha chiesto se poteva morire. Non voleva più sopportare il dolore dell’eczema. È stata una cosa straziante da sentire per una mamma. Ho rinunciato al mio lavoro per mio figlio, ma ogni giorno lo vedo stare sempre più male. Il suo aspetto è molto preoccupante: l’eczema a volte sembra un’ustione causata da un acido.

Morgan, infatti, ha iniziato il proprio calvario già dal quarto mese di età. I medici che lo avevano in cura hanno tentato terapie e cure di ogni tipo, arrivando addirittura a ricorrere anche ad una chemioterapia particolarmente aggressiva. Ogni tentativo, però, si è sempre dimostrato vano: il disturbo è peggiorato inesorabilmente.

E purtroppo le sofferenze del bambino non si sono limitate all’eczema: Morgan è affetto da asma e ha la sindrome nefrosica, patologia che implica una perdita di grandi quantità di proteine dai reni. È inoltre, allergico a oltre 20 alimenti tra cui uova, noci, latte, patate e riso. Un quadro clinico molto pesante, che ci fa capire come deve essere complicata la vita del piccolo.

Come riporta il DailyMail, inoltre, gli arti di Morgan sembrano essere ustionati con l’acido e i dolori che prova sono così insopportabili da dover ricorrere ad una sedia a rotelle per ogni minimo movimento. La madre, tuttavia, non vuole arrendersi e sta cercando di creare una fondazione che permetta di aiutare anche altre persone affette da questa terribile malattia:

La gente non riesce a capire cosa significhi avere una malattia della pelle, non la vedono come una condizione debilitante. Sentono ‘eczema’ e pensano che sia un po’ di pelle secca, ma la realtà può essere davvero brutta. Io e la mia famiglia vogliamo aiutare altre famiglie come noi ad ottenere l’aiuto e la comprensione di cui hanno bisogno.

Un gesto lodevole, se pensiamo a come debba sentirsi il piccolo Morgan senza poter giocare o interagire con gli altri bambini. Ma è importante pensare che il dolore possa comunque portare alla solidarietà.

Questo è almeno un piccolo spiraglio di luce, davanti a tanto buio. A Morgan e alla sua famiglia vanno gli auguri più cari, nella speranza che possa esserci almeno un lieto fino dopo tutto questo dolore.