diredonna network
logo
Stai leggendo: Arriva l’Emoji con il Dito Medio per mandare a quel paese: Ecco Come Averla

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Disegna il tuo papà!? Il risultato è sorprendente (e dolcissimo)

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Divorziano dopo 19 anni: lui le invia questi fiori con questo biglietto

Dal satanismo al sesso: la bufala dei messaggi subliminali di Art Attack

Questa è la proposta di matrimonio più bella del mondo

Selfie con il morto: "With me", l'app che ti permette di essere accanto a chi non c'è più

Arriva l'Emoji con il Dito Medio per mandare a quel paese: Ecco Come Averla

Finalmente viene colmata una grande lacuna in fatto di emoji: quella con il dito medio. Da oggi mandare a quel paese qualcuno, sarà molto più semplice! Ecco quando sarà disponibile e come averla.
Foto: Web

Se n’era tanto parlato, ma questa volta la conferma è ufficiale. Non solo fiori e faccine, il tanto atteso “dito medio” sarà presto realtà.

Certo, non sarà un dito medio a sconvolgere il mondo,  ma so già che questa sarà l’emoticon più usata sul mio cellulare…

Come per alcune nuove nuove emoji, sarà disponibile in diverse sfumature di colore, per tutti i tipi di pelle.

Foto: Web

Nell’ultimo aggiornamento delle “faccine” di Apple, l’emoticon più schietta ed ironica che molti desideravano, veniva però a mancare. Ma ad introdurre il famigerato dito medio è proprio Microsoft nel nuovo aggiornamento relativo a Windows 10 e ben presto potrebbe arrivare anche su smartphone e tablet Android e IOS.

I primi a poter utilizzare il pugno “che invita ad andare a quel paese” saranno quindi gli utenti Microsoft sia da computer che mobile, ma non è escluso che nel breve periodo venga adottata anche da Apple e Google.

L’ironica icona era già stata approvata nel 2014 da Unicode, il consorzio che regolamenta l’interoperabilità dei testi in lingue diverse, sulle diverse piattaforme.

Certo non avevamo forse bisogno di un emoticon del genere… Ma può tornare sempre comodo o no?