diredonna network
logo
Stai leggendo: 50 Sfumature di Grigio: L’Attrice Confessa “Ho Vietato ai Miei Genitori di Andare al Cinema”

50 Sfumature di Rosso: ecco il nuovo trailer e le anticipazioni sul film

Alessandra Martines: se l'amore non ha età la maternità neppure

L'amore per Mariangela Melato: "Ci siamo amati per tutta una vita, anche da lontano"

Jada Pinkett Smith su Tupac: "Mi manca tanto e ho un grande rimpianto"

Quando Trump diede della "ritardata" a Marlee Matlin, attrice sorda da Oscar

La fine dei sogni: l'assurda morte di Robert Knox, il giovane attore di "Harry Potter"

Adam Levine e Behati Prinsloo: "Vogliamo 100 bambini". Per ora annunciano il secondo così

Vestita solo di sandali, Belen Rodriguez di nuovo senza: "Il nudo è elegante, non volgare"

Meghan Markle si confessa: "Io e Harry siamo felici e innamorati"

Tutta colpa di Twiggy (e di Mary Quant) se le cattive ragazze indossano la minigonna

50 Sfumature di Grigio: L'Attrice Confessa "Ho Vietato ai Miei Genitori di Andare al Cinema"

È ufficialmente iniziato il countdown: "50 Sfumature di Grigio" sta per arrivare nelle sale cinematografiche e aumentano le curiosità sul film e sul cast.
(foto: Web)
(foto: Web)

Ci siamo.
Il countdown è ufficialmente iniziato.
Pochi giorni prima di San Valentino arriva nelle sale l’attesissimo film tratto dal best seller, che ha fatto impazzire le donne di tutto il mondo, “50 Sfumature di Grigio”.
In queste settimane che anticipano l’uscita, aumentano le notizie di curiosità e gossip intorno al film e al suo cast.
Dakota Johnson, l’attrice con la grande responsabilità di interpretare Anastasia, confessa:

“Ho imposto ai miei genitori di non andare al cinema a vedere il film. La sola idea mi imbarazza

Le scene hard dunque esistono e probabilmente sono anche piuttosto spinte se la figlia ha il grande timore che i suoi genitori possano vederle.

Dakota infatti, molto legata alla sua famiglia, ammette di aver parlato ai suoi del film solo a riprese ultimate.
Girare le scene di nudo non è stato semplice:

“Il set era chiuso però, c’eravamo solo noi e il regista, molto spesso poi erano inquadrature molto strette, nulla di particolarmente sensuale, una parte del corpo, anche solo un braccio, il resto fuori campo.
Non sapevo quasi nulla del bondage. È una vera sottocultura, un mondo. Non avevo idea di quanto il fenomeno fosse esteso e in crescita. È molto interessante, una lezione di psicologia

La curiosità aumenta.