diredonna network
logo
Stai leggendo: Lo Stato Rifiuta di Aiutare Una Famiglia in Difficoltà con un Bambino Malato di Cancro

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

Ecco One Step 2: la mitica Polaroid è davvero tornata

Firenze, segrega la figlia per 4 anni e la dà in sposa per 15mila euro

Adam Levine e Behati Prinsloo: "Vogliamo 100 bambini". Per ora annunciano il secondo così

Animoji: con iPhone X le emoji si animano con il tuo volto

Oroscopo dal 14 al 20 settembre - Come sopravvivere alle stelle

Niccolò Ciatti, a un mese dalla morte le parole di Ilaria e l'appello del padre

Lo Stato Rifiuta di Aiutare Una Famiglia in Difficoltà con un Bambino Malato di Cancro

Una storia a cui si fa fatica a credere. Quando lo Stato si riempie di belle parole ma non aiuta i suoi cittadini , anzi, gira le spalle nel momento del vero bisogno.
(foto: Web)
(foto: Web)

La storia di Tommy viene diffusa inizialmente dai tabloid britannici, nello specifico è il Daily Mirror che se ne occupa, promuovendo una vera e propria campagna di mobiltazione a favore di questa sfortunata famiglia.

Il piccolo Tommy (Miller ndr) che oggi ha 7 anni, soffre da tempo di una gravissima forma di leucemia.
Fino ad un anno fa circa la sua famiglia riceveva un assegno di invalidità, di circa 700 sterline mensili.
Un aiuto interrotto appena le condizioni del piccolo sono state ritenute superficialmente “buone”.
La sfortuna però non ha abbandonato Tommy che poco dopo è stato colpito da un cancro che ha immediatamente peggiorato le sue condizioni.
Le cure necessarie adesso sono diventate più numerose e anche più costose.

(foto: Web)
(foto: Web)

I genitori, sotto shock, si sono rivolti nuovamente al dipartimento per il lavoro e le pensioni che però si è incredibilmente rifiutato di aiutarli.

Chiaramente Kevin e Ruth (questo il nome dei genitori ndr) hanno fatto il possibile per aiutare il figlio, ma l’aiuto economico di parenti e amici non basta.
La famiglia ha dovuto ricorrere ai servizi sociali per riuscire ad avere qualcosa da mettere sotto i denti.
Una situazione drammatica, apparentemente senza via d’uscita.

Tutta colpa della burocrazia e della freddezza con cui i funzionari statali hanno affrontato la famiglia.

Quando lo Stato è il primo a girarti le spalle.