diredonna network
logo
Stai leggendo: Fragola e Nutella: Il Tribunale Vieta ai Genitori di Dare Questi Nomi Ai Figli

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Muoiono insieme, mano nella mano, dopo un amore lungo 62 anni

Il dizionario dei sogni: ecco cosa vuol dire quello che hai sognato

Perché è una fortuna il fatto che i single nel mondo sono in aumento

Oroscopo dall'11 al 17 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Ricordate l'abito cult di Pretty Woman? È in vendita online

"Non esistono miracoli, né prodotti magici. Esistono solo due cose", il messaggio di Roberta

Fragola e Nutella: Il Tribunale Vieta ai Genitori di Dare Questi Nomi Ai Figli

Il tribunale vieta a due coppie di genitori di chiamare i figli con nomi decisamente bizzarri. Giusto o sbagliato?!
(foto: Web)
(foto: Web)

Forse ai nomi bizzarri è giusto metterci un bel punto.

Se già in Italia, la decisione di due genitori di chiamare il figlio Venerdì, come l’indigeno di Robinson Crusoe, aveva scatenato diverse polemiche con una successiva ordinanza del tribunale che lo vietava, altri due casi simili hanno suscitato grande perplessità in Francia.
Il tribunale dei cugini tricolore ha infatti proibito a due coppie di chiamare i loro figli “Fragola” e “Nutella”, una scelta dei nomi molto originale e secondo i giudici anche contraria all’interesse dei minori.

Il nome Nutella è stato immediatamente cancellato dai registri dello Stato Civile e i genitori hanno chiamato quindi la bambina semplicemente “Ella”.
Secondo il giudice il nome Nutella

“è contrario all’interesse del bambino che potrebbe in seguito subire beffe e riflessioni dispregiative”.

Sempre in Francia, un’altra coppia ha chiesto che la figlia venisse registrata come “fragola” (in francese Fraise).
Anche in questo caso però il tribunale ha negato la registrazione all’anagrafe.
Attraverso un compromesso la bimba è stata chiamata Fraisine (Fragolina), nome storicamente utilizzato in Francia nel XIX secolo.