diredonna network
logo
Stai leggendo: Anche in Italia Il Primo Comune “Vegan Friendly”

Il video appello: "Signor Presidente, ero DJ Fabo, ora voglio poter morire"

Oltre Grey's Anatomy: una nuova serie tv per Ellen Pompeo

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Inchiesta choc: "Ecco chi sono gli oltre 200 religiosi pedofili in Italia" che continuano a fare i preti

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

La magia de l'Incantevole Creamy torna in tv: ecco quando e dove

Lui la dà alla fiamme. Lei lo difende dalla D'Urso. Momento di TV shock

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Gli insulti stupidi ad AstroSamantha per il nome della figlia (e forse è pure una bufala)

Oroscopo dal 12 al 18 gennaio 2017 - Come sopravvivere alle stelle

Anche in Italia Il Primo Comune "Vegan Friendly"

Anche in Italia il primo comune "Vegan Friendly". L'importanza di un'alternativa vegana e vegetariana sta finalmente arrivando anche nel BelPaese.
(foto: Web)

Anche in Italia è arrivato il primo Comune  “Vegan Friendly”.
Finale Ligure si è guadagnata il titolo di città più vegana d’Italia grazie ad un progetto sostenuto dall’amministrazione guidata da Ugo Fraschelli.
Si prevede quindi che nel territorio cittadino siano presenti punti di ristorazione, bar ed attività commerciali che offrano un prodotto 100% vegetale.

Numerosi i negozi che aderiscono all’iniziativa, riconoscibili attraverso un apposito logo “Vegan Friendly”. I consumatori avranno dunque la certezza di poter trovare prodotti vegani, senza nessun tipo di derivati animali.

Un esperimento che si è rivelato un enorme successo, un piccolo passo avanti per chi è abituato a girare anche all’estero dove la cultura dell’alimentazione vegana è perfettamente integrata. Un esempio su tutte Berlino, famosa per l’abbondante scelta di ristoranti e mercati vegani. (Anche il Kebbabaro più famoso della città offre l’alternativa Veg).

Ad oggi sono oltre 4milioni ( 4.325.000) le persone vegetariane e vegane in Italia, oltre il 7% della popolazione, ma i numeri sono in forte aumento, anno dopo anno.

Sebbene le idee possano essere diverse, perchè non donare a tutti la possibilità di scegliere?!
Finalmente, “l’Italia s’è desta!”