diredonna network
logo
Stai leggendo: Bill Cosby confessa: donne drogate per fare sesso e pagate per tacere (Aggiornamento)

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Seconda "social baby" in arrivo. Mark Zuckerberg: "Speravo tanto fosse femmina"

Una mamma per amica: dopo quel "Sono incinta" nuovo revival in arrivo?

Grey's Anatomy, 13esima stagione: finalmente le nuove puntate! Da dove si riparte

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

Bill Cosby confessa: donne drogate per fare sesso e pagate per tacere (Aggiornamento)

Bill Cosby, papà Cliff dei Robinson, ammette di essersi fatto prescrivere la ricetta di un potente barbiturico per drogare alcune donne. Avrebbe poi abusato di loro sessualmente e pagato il loro silenzio. Fan sotto shock.
(foto: Web)

Aggiornamento lunedì 20 luglio 2015

Addio a Papà Robinson. Addio al dottore buono e divertente dei Robinson. Addio anche all’uomo, attore e personaggio famoso Bill Cosby, padre e marito modello  nella vita reale, esempio di moralità e sintesi dei valori della famiglia al punto da essere premiato da Barack Obama con la Medal of Freedom, la più alta onoreficienza civile americana! Resta solo il mostro.

Dopo le agghiaccianti rivelazioni di inizio luglio, che avevano portato alla luce l’ammissione shock di Bill Cosby: “Ho drogato donne per fare sesso con loro”, la vicenda assume contorni sempre più chiari e più inquietanti grazie alle documentazioni ottenute e pubblicate dal New York Times. Bill Cosby drogava le donne, faceva sesso con loro e poi ne comprava il silenzio con i soldi.

È tutto scritto nelle deposizioni del 2005, finora insabbiate per i motivi e nei modi visti nel precedente aggiornamento. Bill Cosby parla delle sue conquiste quasi con orgoglio, ammettendo di aver usato droghe e potenti farmaci barbiturici per abbassare le resistenze delle donne e predisporle a rapporti sessuali che lui definisce consenzienti, salvo poi risponde alla domanda se le vittime sotto sedativi fossero in grado di capire quando fecero sesso con lui: “Non lo so”.

Andrea Constand, per esempio, aveva 19 anni: voleva fare la modella e la giornalista. Sotto effetto di dose massicce di farmaci barbiturici, non avrebbe avuto un rapporto completo con Cosby ma avrebbe “soddisfatto” l’attore con altre prestazioni sessuali, salvo poi confessare alla madre l’episodio sostenendo di aver agito contro la sua volontà essendo stata drogata a sua insaputa. L’attore, dopo aver risposto alla madre che la figlia era consenziente – confermando nella deposizione l’utilizzo di droghe per ottenerne i favori -, si offrì di pagarne l’università, tenendo ovviamente la moglie all’oscuro di tutto ciò.

Anche di Therese Serignese Bill Cosby pagò per il silenzio, per nascondere il sesso e la droga datele prima di abusare di lei.

A prescindere dalla moralità (semplice ingenuità o arrivismo?) delle donne – oltre 40 – che hanno accusato Bill Cosby di violenze e abusi sessuali, a sconvolgere è il lato oscuro di un uomo entrato nell’immaginario mondiale come stereotipo del padre di famiglia perfetto, sia grazie alla serie i Robinson, sia per la sua apparente condotta nella vita reale. Lo stesso Obama, su domanda di un giornalista in riferimento alla medaglia concessa a Bill Cosby per la sua condotta civile e morale esemplare, avrebbe commentato:

In genere non commento i casi giudiziari aperti, che possono ancora avere sviluppi penali o civili. Però una cosa è chiara: se dai droghe a donne, o uomini, e poi hai con loro rapporti sessuali non consensuali, si tratta di stupro.

Aggiornamento mercoledì 8 luglio 2015

Il web è sotto shock ma non è rimasto senza parole. Anzi, da ieri twitta tutta la sua delusione e la sua rabbia. Bill Cosby ha confessato: avrebbe abusato di alcune donne dopo averle drogate con un potente barbiturico.
A rompere il silenzio è l’Associated Press che ieri avrebbe rivelato che l’ex papà dei Robinson, in una deposizione del 2005, ammise di avere usato il potente barbiturico Quaaludes (già ottenuto anche nel 1970) per drogare le donne con cui poi avrebbe avuto rapporti sessuali.

Stando alla deposizione, alla domanda dell’avvocato di Andrea Costand, una delle presunte vittime di violenza sessuale da parte di Bill Cosby: “Quando si è procurato il Quaaludes, aveva l’intenzione di usarlo su donne con cui voleva andare a letto?”; l’attore avrebbe risposto “Sì”. Salvo poi sostenere di “aver malinterpretato la domanda. Intendevo una sola donna, non donne”.
Sono oltre quaranta le donne – per lo più attrici e modelle – che, negli anni, hanno denunciato Bill Cosby per violenza o molestie sessuali, a sostegno della tesi di “predatore sessuale seriale” dell’accusa.

Pare che la confessione finora fosse stata insabbiata grazie a un patteggiamento del 2006 che avrebbe permesso agli avvocati dell’ex Mr. Robinson di tenere segrete le carte processuali. Al di là delle conseguenze – si dovrà capire se le nuove informazioni porteranno alla riapertura di molte accuse cadute in prescrizione – il web non perdona Bill Cosby. E, se non bastasse la violenza sessuale a giustificare l’indignazione della Rete, nel caso dell’attore si aggiunge il disincanto e la delusione di chi aveva amato Cliff, il papà buono dei Robinson come uno di famiglia e oggi si trova a fare i conti con il mostro.

Bill Cosby accusato di violenze sessuali. Secondo l’accusa potrebbe essere un “Predatore sessuale seriale” – articolo del 29 ottobre 2014

Guai per gli idoli dei telefilm della nostra infanzia in questo periodo.

Dopo le accuse di pedofilia al Reverendo Camden di Settimo Cielo, nell’occhio del ciclone questa volta Bill Cosby, conosciuto al mondo come Cliff dei Robinson.

Chi non se lo ricorda padre dai buffi maglioni anni ’80, di una numerosa famiglia?!

Il pubblico l’ha sempre seguito con affetto e questa notizia che mostra un lato oscuro lascia tutti senza parole.

L’attore infatti è chiamato a rispondere alle accuse di “Predatore Sessuale Seriale”

Davanti ai giudici 3 donne dal 2005 e ora si aggiunge a queste dichiarazioni diffamatorie anche Barbary Bowman.

La donna, oggi 47enne, ha dichiarato al “MailOnLine” di essere stata violentata da Cosby quando era solo una ragazzina.

Eravamo al ristorante con lui e tanti amici suoi, ad un certo punto mi disse: “Stai male, sembri avere la febbre. Prendi queste”. Mi portò nel retro del ristorante e mi diede due capsule. In quel momento non pensai potessero farmi male ma, dopo l’assunzione, mi ritrovai a faccia in giù sul tavolo del ristorante, mi prese e mi portò nel mio appartamento. Lì cominciò ad abusare di me.

Sono stata drogata e stuprata da quell’uomo. È un mostro. È venuto da me come un mostro. La mia speranza è che altri che hanno subito abusi sessuali, non siano costretti a restare in silenzio, da un uomo famoso, ricco e potente. Se posso aiutare una vittima, allora avrò fatto il mio lavoro.

Il provino le fu proposto nel 1985 e due anni dopo avvenne la violenza.

Finalmente sto rivelando tutta la mia storia nella speranza che altri seguano il mio esempio e non aspettino quanto ho aspettato io. Per anni, nessuno mi ha creduta. Dicevano che Bill non avrebbe mai fatto questo. Che era assurdo. […] Non poteva esserci momento migliore per rivelare tutto. Mi disgusta il fatto che stia tornando in televisione, nei panni di un padre. Forse dovrebbe insegnare alla sua finta famiglia televisiva anche il modo per scappare dai predatori sessuali.

Bill mi diceva che era la mia figura paterna e dovevo fidarmi di lui come fosse un padre, al 100%. Poi mi drogava e mi stuprava. Avevo troppa paura per parlare. Me lo diceva sempre: Fidati di me, come ti fideresti di un padre. Non ho mai accettato denaro per stare zitta. Il motivo per cui parlo ora è mostrare Bill Cosby per l’animale che è. In quell’hotel si è avventato su di me come un animale, con una tale forza sessuale che non riusciva a controllarsi. A 19 anni sapevo già che quella sarebbe stata l’ultima volta che avrebbe avuto la possibilità di farmi del male.