diredonna network
logo
Stai leggendo: Donne cancellate dal catalogo Ikea in Arabia Saudita

IKEA ritira questa sdraio. Se ce l'hai devi portarla indietro. Rischio infortuni

Mistero svelato: ecco perché i prodotti IKEA hanno quei nomi impronunciabili

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Donne cancellate dal catalogo Ikea in Arabia Saudita

Un’operazione certosina quella di Ikea, la società svedese produttrice di mobili, che ha provveduto a “rimuovere” le donne presenti sul catalogo dell’edizione saudita sostituendo la presenza femminile con figure di uomini o di bambini.

Immediata la reazione della Svezia, casa madre del colosso del mobile fai-da-te, nonché nazione orgogliosa per le sue politiche in favore dell’eguaglianza tra i sessi:

“Non si possono cancellare le donne dalla realtà. Non permettendo loro di essere viste o sentite, o di lavorare, l’Arabia Saudita spreca meta’ del suo capitale intellettuale” ha affermato il ministro del Commercio, Ewa Bjorling.

L’Arabia Saudita ha regole molto rigide per quanto riguarda la segregazione dei sessi: le donne non possono guidare e hanno bisogno dell’autorizzazione dei propri tutori maschili per viaggiare o ricevere cure mediche. L’atteggiamento dell’Ikea e’ stato percepito come un cedimento nei confronti di un paese che discrimina le donne. Birgitta Ohlsson, ministro svedese per l’Europa, ha affermato su Twitter che si tratta di un atteggiamento “medievale”. La portavoce dell’Inter Ikea Systems, societa’ proprietaria del marchio Ikea, ha dichiarato che la multinazionale svedese sta approfondendo la questione.