diredonna network
logo
Stai leggendo: Donne cancellate dal catalogo Ikea in Arabia Saudita

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Donne cancellate dal catalogo Ikea in Arabia Saudita

Un’operazione certosina quella di Ikea, la società svedese produttrice di mobili, che ha provveduto a “rimuovere” le donne presenti sul catalogo dell’edizione saudita sostituendo la presenza femminile con figure di uomini o di bambini.

Immediata la reazione della Svezia, casa madre del colosso del mobile fai-da-te, nonché nazione orgogliosa per le sue politiche in favore dell’eguaglianza tra i sessi:

“Non si possono cancellare le donne dalla realtà. Non permettendo loro di essere viste o sentite, o di lavorare, l’Arabia Saudita spreca meta’ del suo capitale intellettuale” ha affermato il ministro del Commercio, Ewa Bjorling.

L’Arabia Saudita ha regole molto rigide per quanto riguarda la segregazione dei sessi: le donne non possono guidare e hanno bisogno dell’autorizzazione dei propri tutori maschili per viaggiare o ricevere cure mediche. L’atteggiamento dell’Ikea e’ stato percepito come un cedimento nei confronti di un paese che discrimina le donne. Birgitta Ohlsson, ministro svedese per l’Europa, ha affermato su Twitter che si tratta di un atteggiamento “medievale”. La portavoce dell’Inter Ikea Systems, societa’ proprietaria del marchio Ikea, ha dichiarato che la multinazionale svedese sta approfondendo la questione.