diredonna network
logo
Stai leggendo: Il limone è meglio dei farmaci per far passare coliche e calcoli!

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Figli che uccidono i genitori: 7 casi shock

Oroscopo dal 9 al 15 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Perdonatemi, mamma e papà, se potete": la lettera di Michele, 30 anni, suicida per colpa del precariato

Il limone è meglio dei farmaci per far passare coliche e calcoli!

Per liberarsi di coliche e calcoli renali, disturbi accusati dal 18% degli italiani, è sufficiente bere succo di limone: un rimedio assolutamente naturale e "mediterraneo".

A sostenere tutto ciò l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Bergamo che rivela:

“Si avvia a certificare che le coliche si possono prevenire bevendo mezzo bicchiere di succo di limone al giorno. Meglio dei farmaci perché non ha controindicazioni”.

La ricerca è stata condotta con il sostegno del Consorzio di Tutela del Limone di Siracusa Igp(Indicazione geografica protetta).

Il lavoro avviato nel 2008 ha coinvolto per la prima volta medici, ricercatori e agricoltori, per dimostrare le proprietà del limone nella prevenzione e cura di questa malattia, ancora meglio dei farmaci comunemente utilizzati con effetti collaterali non tollerati da quasi un terzo dei fruitori.

Era già noto che il consumo di agrumi, accompagnato da una dieta specifica, fosse benefico in questa malattia ma la novità è che sia proprio il limone a dimostrasi il più efficace per combatterla.
Soddisfatti della scoperta gli agricoltori, poiché il limone in Italia ha una superficie coltivata che sfiora i 13 mila ettari e sei prodotti tutelati dal marchio Igp.

Perché proprio il limone?

Il contenuto in citrato nel limone è di 42,9 grammi per chilo, cinque volte superiore rispetto all’arancia. Quindi è sufficiente la spremuta di due/tre frutti per ottenere l’analogo risultato ottenuto da una medicina a base di citrato di potassio.
Secondo Giuseppe Remuzzi dell’Istituto Mario Negri:

“Siamo di fronte a una notizia molto interessante considerando che la calcolosi renale è molto diffusa nel nostro Paese, con milioni di persone affette da questa patologia. Si tratta di un disturbo ad altissimo coefficiente di ricadute: i calcoli si riformano in un paziente su tre in un arco temporale che va dai due ai cinque anni. Questo impone ai pazienti un continuo monitoraggio della situazione e, soprattutto, una particolare attenzione alla dieta”.

Fonte: tgcom24