diredonna network
logo
Stai leggendo: Vladimir Luxuria arrestata dalla polizia a Sochi

Inchiesta choc: "Ecco chi sono gli oltre 200 religiosi pedofili in Italia" che continuano a fare i preti

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

La magia de l'Incantevole Creamy torna in tv: ecco quando e dove

Lui la dà alla fiamme. Lei lo difende dalla D'Urso. Momento di TV shock

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Gli insulti stupidi ad AstroSamantha per il nome della figlia (e forse è pure una bufala)

Oroscopo dal 12 al 18 gennaio 2017 - Come sopravvivere alle stelle

La dedica di Ryan Gosling è la più commovente dichiarazione d'amore di sempre

"Se hai il ciclo non puoi entrare": la rivolta social delle donne indiane

Siamo fatti così: torna in tv il cartone che racconta il corpo umano. Ecco quando e dove

Vladimir Luxuria arrestata dalla polizia a Sochi

L'ex parlamentare è stata arrestata a Sochi mentre assisteva ad una partita di hockey esponendo la bandiera arcobaleno con la scritta "Gay è ok".
Vladimir Luxuria fermata dalla polizia a Sochi

 

Lavo Romani, presidente dell’Arcigay-Associazione Lgbt italiana ha confermato: “Vladimir Luxuria e’ stata fermata a Sochi mentre portava una bandiera arcobaleno con scritto in russo “e’ ok essere gay'”

L’ex parlamentare stava infatti preparando un servizio per il programma Le Iene e assisteva alle gare delle Olimpiadi a Sochi come conferma il tweet della stessa Luxuria:

“Sono a Sochi! Saluti con i colori della rainbow, alla faccia di Putin!”

Vladimir Luxuria fermata dalla polizia a Sochi

Da quanto risulta pare essere stata arrestata dalla polizia russa e messa in stato di fermo.

Romani continua la sua dichiarazione dicendo: ”Il suo fermo conferma che la legge contro la propaganda gay e’ una legge infame, non c’e’ alcun motivo per non esporre una bandiera rainbow con la scritta ‘essere gay va bene”’

Lo staff del ministro degli esteri Emma Bonino ha affermato che l’Unità di crisi è già attiva per risolvere la situazione di fermo di Vladimir Luxuria.

Secondo quanto previsto dalla convenzione di Vienna, le autorità russe hanno 24 ore per comunicare un eventuale arresto di un cittadino straniero ma al momento nessuna comunicazione è stata fatta.

Stiamo a vedere cosa succede …