diredonna network
logo
Stai leggendo: 6 febbraio: Giornata Nazionale contro l’Infibulazione e le Mutilazioni Genitali Femminili

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Non lo assume e lui la minaccia: "Ti stupro, ti sfregio con l'acido, ti uccido"

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

6 febbraio: Giornata Nazionale contro l’Infibulazione e le Mutilazioni Genitali Femminili

La petizione di Plan Italia riapre la lotta contro questa orribile violenza sulle donne
6 febbraio: Giornata Nazionale contro l’Infibulazione e le Mutilazioni Genitali Femminili

Più di 140 milioni di donne nel mondo sono state sottoposte a mutilazioni genitali. Oltre la metà di esse si trova in Africa, dove questa barbara pratica si estende a più dell’80% della popolazione femminile di alcuni stati. Il fenomeno interessa ora non solo i paesi in via di sviluppo, ma anche la nostra “civilissima” Europa, dove numerose bambine immigrate vengono sottoposte a interventi illegali che minano la loro salute e la loro stessa vita, oltre che impedire una vita sessuale e una procreazione naturali. Proprio per limitare ed estirpare definitivamente questa terribile violenza, dal 2003 l’ONU ha proclamato il 6 febbraio la Giornata Internazionale contro l’Infibulazione e le Mutilazioni Genitali Femminili (MGF). Ma sebbene sulla carta, a livello internazionale, vi siano leggi che vietano le mutilazioni, i provvedimenti intrapresi sono rari e ogni anno sono 3 milioni le bambine a rischio MGF.

La strada da percorrere è infatti lunga e difficile: non basta proibire, bisogna educare. Infibulazione e mutilazioni sono infatti parte del bagaglio culturale di molti gruppi sociali: le donne devono passare attraverso questa sorta di “rito iniziatico” per purificarsi ed essere accettate nell’età adulta. È quindi una pratica a cui ci si sottopone necessariamente per essere parte della comunità e i rischi ad essa connessi sono spesso accettati come obbligatori, senza chiedersi il motivo di tale barbarie.

Per questo motivo, Plan Italia promuove una petizione contro le MGF  (http://www.plan-italia.org/because-i-am-a-girl/le-mutilazioni-genitali-femminili-firma-la-petizione/petizione-stop-alle-mutilazioni-genitali-femminili/). Si chiede al governo italiano di scendere in campo in modo deciso per fare pressione sui governi degli stati non dotati di leggi contro la mutilazione genitale o che non applichino le sanzioni vigenti. Si chiede poi la diffusione capillare di informazioni sulla conseguenze delle MGF e sul divieto di praticarle, nonché un attivazione nell’assistenza medica per chi ha già subito questi interventi.

Migliorare la condizione delle donne nel mondo è possibile anche con un semplice click, e mancano ancora 2500 firme per raggiungere le 5000 necessarie per inoltrare la petizione al governo italiano. Non voltiamoci dall’altra parte. Firmiamo anche noi.