diredonna network
logo
Stai leggendo: Emilio Fede : le prostitute guadagnano più di me 20mila euro al mese non mi bastano.

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Figli che uccidono i genitori: 7 casi shock

Emilio Fede : le prostitute guadagnano più di me 20mila euro al mese non mi bastano.

" Io ho lavorato per sessant'anni fino a 81 anni, e nell'ultimo periodo senza prendere un giorno di ferie». «Le prostitute? È un lavoro che va legalizzato, di sicuro guadagnano più di me". Ed e' questo il punto cruciale della campagna elettorale che il giornalista si appresta a compiere in vista della sua entrata in politica e prosegue..."Bisogna tornare alle case chiuse, per evitare lo squallore di quello che si vede in giro. Bisogna che le prostitute paghino le tasse, di sicuro guadagnano più di me".

20mila euro al mese come vi sembrano? Tanti? Credete che vi cambierebbero la vita? Io, sì! Ma, a quanto pare, per Emilio Fede sono soltanto “spiccioli”. L’ex direttore del TG4, licenziato pochi mesi fa da Mediaset, sì è lamentato del trattamento riservatogli dall’azienda…ovvero la retribuzione mensile di 20,000 euro! Pochi per il nostro Fede, che intervistato dal programma radiofonico LaZanzare ha detto:

“Nel contratto con Mediaset iniziato il primo giugno c’è autista, casa, ufficio e ventimila euro netti al mese, ma neppure un euro di buonuscita dopo 24 anni. E devo fare un programma. Un contratto dignitoso, mi avrebbero dovuto dare molto di più dopo quello che ho dato all’azienda. 20mila euro al mese sono niente per quello che ho fatto, mica sono stato lì a rubare. Non è che navigo nell’oro, non ho un appartamento di lusso. Non trasformiamo ventimila euro in un fondo ricchezza. Non significa essere ricchi e poi un po’ di soldi li passo a mia moglie e a mia figlia. Non è un contratto sontuoso. Non ditemi che sono la ricchezza, io ho lavorato per sessant’anni fino a 81 anni, e nell’ultimo periodo senza prendere un giorno di ferie”.

E pensare che noi ogni giorno tiriamo avanti a fatica, a lottare contro la disoccupazione e il continuo crescere delle spese da sostenere! Intanto Fede si lamenta perché percepisce 15 volte il nostro stipendio (prendendo come riferimento la cifra simbolica di 1500€), con annessa casa, ufficio e autista PAGATI!

ROBA DA MATTI!