diredonna network
logo
Stai leggendo: Coca Cola Light: nessuna perdita di peso e più rughe

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Quando (e dove) ci dà fastidio essere toccati: le zone off-limits del nostro corpo

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno. Ecco perché... è una bufala

Come in "Ritorno al futuro": le scarpe che si allacciano da sole

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Pasta di sale: la ricetta ideale per creazioni e decorazioni fai da te

Coca Cola Light: nessuna perdita di peso e più rughe

Coca Cola Light: ecco i danni che provoca la versione "leggera" della Coca Cola.
(foto:Web)

La Coca Cola Light non è proprio un grande alleato nella perdita di peso, nonostante la pubblicità vi abbia sempre detto il contrario.
Sembra invece che la bevanda gassata, dal così detto basso contenuto calorico, possa essere il motivo per il quale il vostro peso non cambia.
Ricerche scientifiche e diversi esperimenti hanno infatti dimostrato che gli ingredienti della Coca Cola Light possono essere la causa di un aumento di peso e gonfiore, inoltre il mix di coloranti e dolcificanti rendono più veloce il processo di invecchiamento.

Il fruttosio e i dolcificanti artificiali disturbano il metabolismo e danno un senso di sazietà che perà è inesistente, l’acido fosforico accelera invece il processo di invecchiamento, con la comparsa prematura di rughe e pelle disidratata.
I dolcificanti naturali inoltre possono rovinare i denti, prima del tempo.

La Coca Cola, sia quella Light che quella classica, può causare diabete, ipertensione e malattie cardiovascolari.
Molti studi hanno dimostrato come il consumo eccessivo di questa bevanda aumenta di oltre il 43% la possibilità di avere un ictus, carenza di calcio e osteoporosi.