diredonna network
logo
Stai leggendo: Arriva la perturbazione “Poppea”: é la fine del caldo.

Caso Diele: Ilaria non è morta perché "la giornata in cui fai una cazzata capita a tutti"

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Dai 13 anni sono stata abusata più volte dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

Arriva la perturbazione "Poppea": é la fine del caldo.

Il caldo resterà fino a mercoledì, poi la nuova perturbazione, Poppea, porrà fine all'estate con forti temporali al nord e al centrosud.

Dopo Beatrice arriva Poppea, una nuova perturbazione che porterà con sè temporali a partire dal nord sino al centrosud. Questi saranno gli ultimi giorni d’estate quindi, con un’ultima fiammata africana che promette punte di 36 gradi in Sardegna e Sicilia. Negli ultimi giorni di Agosto ci sarà però un cambiamento di maggiore rilevanza, ovvero l’arrivo del vortice “Poppea” già a partire da giovedì pomeriggio una prima perturbazione raggiungerà il nord e, dalle Alpi alla Liguria, e si protrarrà poi in Toscana.

Al sud continuerà a fare caldo ma l’aria fresca raggiungerà anche la Campania nella notte e punterà verso la Sicilia. Al nord si prevede un calo delle temperature tra gli 8 e i 10 gradi e, per la prima volta da mesi, a Roma e Napoli si scenderà sotto ai 28 gradi.

La prossima settimana si preavvisa instabile, con molte pioggie. Il gran caldo non tornerà più e sulle Alpi scenderà la prima neve, anche sotto ai 2000 metri di quota. Con questo non vogliamo dire che l’estate sia finita, ci saranno comunque a partire dalla prossima settimana giornate assolate e temperature in lieve ripresa. Settembre si confermerà tuttavia, come da tradizione, un mese in cui le belle giornate si alterneranno a quelle fresche con tempo instabile.

Va in archivio un’estate da record, seconda solo al 2003, con ben sette ondate di calore africane, una piu’ intensa dell’altra. Anzi, per il Sud Italia l’estate 2012 e’ stata ancora piu’ calda di quella del 2003. L’estate 2012 sara’ anche ricordata come tra le piu’ secche di sempre, con oltre il 50% del territorio nazionale che non ha visto una goccia di pioggia per oltre 2 mesi.