diredonna network
logo
Stai leggendo: Funari, tomba abbandonata a 5 anni dalla morte

La vampiretta è arrivata: per Nikki Reed e Ian Somerhalder è tempo di coccole

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

"A quando le nozze? E i figli?": la risposte di Fedez e Chiara in diretta

Chiara Ferragni: "Io e Fedez, diversi, ma siamo la cosa più bella che ci sia"

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

Melinda Gates: "Perché dobbiamo sostenere e pretendere il controllo delle nascite"

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Il tema del Met Gala 2018 è davvero molto molto controverso

Google shock: "Donne biologicamente diverse, per questo lavoro meglio gli uomini"

Funari, tomba abbandonata a 5 anni dalla morte

La tomba di Gianfranco Funari è abbandonata e arriva un messaggio all'ex moglie.Lei si difende in un'intervista per il settimanale Oggi.
(foto:Web)
(foto:Oggi)

Gianfranco Funari è morto il 12 luglio del 2008.
Dopo 5 anni la sua tomba è abbandonata. Ci sono due foto e un santino, ma per il resto il loculo è in pessime condizioni e qualcuno ha quindi deciso di lasciare un messaggio alla vedova del noto conduttore: “Moglie vergognati”
Il settimanale Oggi ha fatto questa scoperta e ha pubblicato le immagini riprese settimana scorsa.
La vedova, Morena Zapparoli, si difende:
“Non è stato ancora raggiunto un accordo sull’eredità e sulla divisione delle spese con Carlotta, la figlia di Gianfranco… Ci sono spese da affrontare e io non mi vergogno a dire che la mia situazione economica non è florida. Non c’è nessuna ricca eredità da spartire, come qualcuno magari pensa. Ci sono solo la casa di Boissano, in Liguria, la sua vecchia Jaguar, qualche mobile, qualche quadro” una scusa che però non giustifica il suo comportamento disinteressato.

“Se le questioni ereditarie andranno ancora per le lunghe, anticiperò io le spese dell’iscrizione sulla lapide” promette però a Oggi Morena. E cerca di spiegare: “Dopo la scomparsa di Gianfranco, andavo al cimitero tutte le settimane e gli portavo i fiori freschi. Io mi sento la coscienza pulita, non mi importa se qualcuno mi dice di vergognarmi… E non temo di perdere la pensione di reversibilità di Gianfranco, che, tra l’altro, non è affatto ricca. Io prendo poco più di 300 euro al mese, visto che una quota spettava anche alla prima moglie”.