diredonna network
logo
Stai leggendo: “Papa Francesco sta facendo innervosire i boss della ‘ndrangheta.”

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

"Papa Francesco sta facendo innervosire i boss della ‘ndrangheta."

Notizia shock: Papa Francesco nel mirino della mafia finanziaria.
(foto:Web)
(foto:Web)

Secondo Nicola Gratteri, procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Papa Francesco potrebbe essere in pericolo.

Bergoglio infatti deve stare attento alla mafia. Gratteri sottolinea come il Papa stia facendo innervosire la mafia finanziaria.

“Se i boss potessero fargli uno sgambetto, non esiterebbero. E di certo ci stanno già riflettendo”. Gratteri trova che questo Papa sia sulla strada giusta, un papa nuovo, rivoluzionario e vicino alla gente. Un Papa che ha lanciato importanti segnali indossando il crocifisso di ferro, lottando contro il lusso, predica bene ed è coerente anche nelle azioni con quello che dice. Chiede al popolo ma lui per primo è concreto. Tutto questo sembra però non piacere alla mafia finanziaria, quella che investe e ricicla il denaro e che per anni si è nutrita delle connivenze con la Chiesa.

Il Papa “sta smontando centri di potere economico in Vaticano”.

Gratteri continua: “La mafia è preoccupata, soprattutto quella finanziaria. Chi finora si è nutrito del potere e della ricchezza che derivano direttamente dalla Chiesa, è nervoso, agitato”

Per queste ragioni, dunque, Papa Francesco sarebbe a rischio: “Non so – ha affermato ancora Gratteri – se la criminalità organizzata sia nella condizione di fare qualcosa, ma di certo ci sta riflettendo. Può essere pericoloso”.