diredonna network
logo
Stai leggendo: Usa spiavano cellulare della Merkel: cancelliera furiosa.

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Usa spiavano cellulare della Merkel: cancelliera furiosa.

USA shock: mezzo mondo sotto il controllo dei servizi segreti.È scandalo e il mondo si ribella.
(foto:Web)
(foto:Web)

L’accusa è storica: il cellulare della cancelliera Angela Merkel potrebbe essere stato spiato dai servizi segreti americani per lungo tempo. È il portavoce del governo tedesco a lanciare la bomba.

Il governo federale è in possesso di informazioni che confermerebbero lo spionaggio del telefonino.

“Abbiamo pregato il governo americano di fornirci immediata e completa chiarezza”, ha detto. La notizia era stata data dallo Spiegel online.

Poco dopo Angela Merkel ha chiamato il presidente Barack Obama, minacciandolo che se il suo cellulare fosse stato tenuto davvero sotto controllo dalla Nsa, sarebbe del tutto inaccettabile.

In poco tempo è arrivata anche la versione della Casa Bianca.

Obama, ha assicurato alla Merkel che il suo telefono non è mai stato monitorato.

Jay Carney, consigliere di Obama, ha specificato: “Non so nel dettaglio cosa il presidente abbia detto al cancelliere. Ma gli Stati Uniti non hanno mai monitorato il suo cellulare e le sue comunicazioni. Come ha sempre detto il presidente, siamo impegnati a raccogliere informazioni di intelligence stando attenti a trovare un equilibrio tra sicurezza e tutela della privacy”.

Che ha aggiunto: in ogni caso gli Usa stanno portando avanti le loro verifiche sui metodi di raccolta dati ad opera della intelligence.
L’imbarazzo della Casa Bianca è evidente: le proteste contro Prism, il programma di spionaggio digitale utilizzato dalla National Security Agency per monitorare le telefonate di milioni di cittadini statunitensi in patria, rimbalzano da una capitale all’altra alla luce delle continue rivelazioni secondo cui gli Usa avrebbero tenuto sotto controllo le linee telefoniche di molti altri paesi.

Solo 48 ore fa anche il presidente francese Hollande aveva chiamato Obama per esprimergli il suo disappunto per le attività di spionaggio dell’intelligence Usa in Francia. Una condanna categorica è arrivata da tutto il Sud America.
Lo scandalo ha toccato anche l’Italia.

A quanto pare, sotto il setaccio dei servizi Usa sono finiti anche i telefoni e i pc italiani.  Roma ha chiesto solo spiegazioni: “Bisogna verificare non ci siano state violazioni”, ha detto il premier Letta nell’incontro di ieri con il segretario di Stato Usa, John Kerry.