diredonna network
logo
Stai leggendo: “Ci state rubando il lavoro”: italiano ucciso nel Kent

Perché le donne nere continuano a sbiancarsi la pelle

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

“Ci state rubando il lavoro”: italiano ucciso nel Kent

Ventenne italiano assassinato a calci e pugni nel Kent. Il movente pare sia di natura razziale: “gli Italiani ci rubano il lavoro”.
(foto:Web)
(foto:Web)

Joele Leotta, ventenne originario del lecchese, era arrivato nella cittadina britannica di Maidstone solo dieci giorni fa. Joele, come tanti giovani italiani, aveva lasciato il bel paese forse per inseguire un sogno, forse per garantirsi un futuro migliore. Stavo studiando l’inglese e intanto, per mantenersi, lavorava come cameriere presso un ristorante italiano e da quanto si leggeva sul suo profilo facebook sembrava che tutto stesse andando per il meglio. Tutto bene fino a quando, una sera di qualche giorno fa, un gruppo di bestie (perchè altrimenti non si può definire gli aggressori) pare si sia introdotto nella camera dove il ragazzo viveva e che condivideva con un altro amico italiano, gridando “Italian crap, you’re stealing our jobs” (Italiani di m*****, ci state rubando il lavoro).

Un motivo razziale, quindi, alla base di questa violenza ingiustificabile. La polizia inglese tuttavia pare abbia ridimensionato il motivo razziale e sta indagando se si tratti in realtà di un tentativo di furto finito in tragedia oppure di uno scambio d’identità che ha portato alla morte di Joele. Gli aggressori sono stati già tutti fermati e pare che siano di origine lituana e ci sarebbe tra loro un solo inglese.

Le indagini vanno avanti per far venire a galla le ragioni di questo folle gesto. Ciò che per ora resta è lo sconcerto per questa inaudita violenza e il dolore di una famiglia alla quale la redazione di RdD rivolge le sue più sentite condoglianze.