diredonna network
logo
Stai leggendo: Premio per i diritti umani alla giovane Malala

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Premio per i diritti umani alla giovane Malala

Malala ha vinto il Premio per i diritti umani. Lei è una giovane donna simbolo della lotta per i diritti delle donne e dello studio
www.indianexpress.com

Circa un anno fa un talebano tentò di uccidere  Malala Yousafzai, una ragazzina di soli 16 anni, che si batte per la lotta per i diritti civili delle donne nella valle  dello Swat, una zona del Pakistan soffocata dal controllo degli  estremisti islamici. Le hanno sparato sul pullman mentre tornava a casa perchè aveva contestato le leggi di sottomissione dei talebani.

Ora ha vinto il Premio Sakharov, un riconoscimento attribuito dal Parlamento Europeo a chi si impegna per i diritti umani e la libertà di espressione. Martin Schultz, presidente del Parlamento europeo ha dichiarato: “È una giovane donna che ha avuto il coraggio di opporsi in un ambiente ostile, violento e dominato dagli uomini come è la valle dello Swat in Pakistan. Voglio andare a scuola voglio godere del mio diritto allo studio, sono una ragazza con pari diritti in questa società”.

Lo scorso 12 luglio ha partecipato all’Assemblea dei Giovani all’Onu chiedendo ai leader mondiali il diritto all’istruzione per tutti i bambini del mondo. “Quando mi hanno sparato la paura è morta”- ha raccontato-“dallo sparo sono “nati forza e coraggio. Il loro proiettile non mi ridurrà al silenzio. I terroristi abusano del nome dell’Islam a loro beneficio. L’Islam è una religione di pace e la pace è necessaria per l’istruzione. Sono qui per parlare del diritto all’educazione per ogni bambino – ha detto ancora – voglio l’istruzione anche per i figli dei terroristi, degli estremisti e dei talebani. Se ci fosse un’arma nelle mie mani e un talebano davanti a me non gli sparerei. È la pietà che ho imparato da Maometto, Gesù Cristo, Buddha. Da Martin Luther King, Nelson Mandela, Gandhi e Madre Teresa. È la pietà che ho imparato da mia madre e mio padre”.

Le sue parole sono state accolte da un’ovazione ed ora è una delle favorite per il premio Nobel della pace.