diredonna network
logo
Stai leggendo: Lettera a Federica Cardia, giovane blogger stroncata dal tumore, dopo anni di lotte.

Caso Diele: Ilaria non è morta perché "la giornata in cui fai una cazzata capita a tutti"

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Dai 13 anni sono stata abusata più volte dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

Lettera a Federica Cardia, giovane blogger stroncata dal tumore, dopo anni di lotte.

Federica Cardia, 31enne sarda affetta da cancro al colon si è spenta giovedì 5 settembre, dopo due anni di lotte raccontate on line sul suo blog “Tanto vinco io”.
(foto:Web)
(foto:Web)

Eccoci qui Fede, io e te.

Ora io devo trovare le parole più belle e più vere per parlare di te, quelle più forti perché ovunque tu sia ti possano arrivare.
Chissà che scriveresti tu ora. Tu che con le parole hai costruito dei ponti con gli altri, che alle parole ti sei aggrappata fino all’ultimo, fino a due giorni fa quando scrivevi: “Spero di darvi buone notizie nelle prossime settimane, per ora buonanotte!”.

Quelle parole negli ultimi mesi ti sono mancate, perché al loro posto c’era l’ospedale, gli interventi, la stanchezza.

Quasi due anni fa hai aperto un blog, ma non per raccontare del Peter Pan di turno o dell’ultimo modello di Jimmy Choo in commercio. Hai iniziato a raccontare una lotta, la tua, contro quel cancro al colon che era già troppo grande e invasivo per lasciarti speranze e allora hai deciso di lottare a voce alta. Hai deciso di non avere paura, di urlare al mondo “tanto vinco io”, di parlare apertamente della tua malattia, di provare a cercare aiuto morale e materiale, pubblicando le tue cartelle cliniche, sperando che qualcuno, da qualche parte, avrebbe potuto aiutarti a sostenere le spese e il peso di cure farmaceutiche sperimentali e di nuove chemioterapie.

Ehi Fede, io tutte le parole giuste non le ho ancora trovate e allora, come si fa? Come faccio a descrivere il tuo coraggio e la bellezza del tuo sorriso? Come faccio a scrivere che a 31 anni si muore senza quasi aver vissuto?

Mi dispiace per chi se lo aspetta quando si parla di morte, ma io qui non lo scrivo che non ce l’hai fatta, se lo andassero a leggere da un’altra parte.

Qui tu ce l’hai fatta, qui sei stata una guerriera, qui sei la Donna tra le donne, qui TU ci fai sentire orgogliose, qui “tanto vinci tu”.