diredonna network
logo
Stai leggendo: Allarme zecca killer: localizzata anche in Italia

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Allarme zecca killer: localizzata anche in Italia

La zecca killer diffusa nell'Est Europa è arrivata in Italia. Il suo morso è pericoloso ma i sintomi possono essere scambiati per una normale influenza. Ecco come riconoscere la TBE e prevenirla.
morso-zecca-vegetariani

Il suo nome è Tick borne encephalitis, meningoencefalite, una malattia che viene trasmessa dalla zecca Ixodes Ricinus, diffusa nell’Est Europa. Una zecca killer localizzata anche nel Triveneto e in molte aree rurali e urbane. 

Ogni anno i casi registrati sono normalmente al massimo 30 (circa 80 dal 2000) e sono gravi e mortali.

È una situazione che necessita di essere sorvegliata e le autorità hanno già chiesto all’Italia di inserire la malattia in quelle notificabili. Il morso della zecca, a causa dell’effetto anestetizzante della saliva, non provoca nessun dolore e non mostra particolari sintomi se non quelli che potrebbero essere tranquillamente confusi con una banale influenza: dopo un periodo di incubazione di 7-14 giorni, a seconda dei casi, la persona colpita mostra febbre, cefalea, senso di stanchezza e nausea. Per 1 fino a 8 giorni, seguono ulteriori complicazioni come paralisi e mialgia. La malattia può poi colpire il sistema nervoso centrale con danni che possono essere invalidanti e permanenti.

Non esiste ancora una vera e propria cura, ma è possibile prevenire la TBE con una vaccinazione in grado di proteggere da tutti i tipi di virus.

 Gli esperti parlano del caso:

Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento di Malattia Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, ha dichiarato: 

In funzione di questa recente evoluzione la Comunità Europea si è posta in una condizione di attenzione al fenomeno della TBE, richiedendo innanzitutto la notifica dei casi di malattia. Questo processo consentirà da un lato una più accurata mappatura del parassita e dall’altro la possibilità di istituire programmi vaccinali più efficaci e mirati alla zona del Triveneto.

 

Fabrizio Pregliasco, ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute dell’Università degli Studi di Milano, consiglia invece: 

Qualora si venisse attaccati dalla zecca, la prima raccomandazione è di estrarre il parassita entro le 24 ore, facendo attenzione a prelevare interamente il corpo e il rostro della zecca e annotando la data del morso, poiché alla comparsa di qualsiasi sintomo entro i 30 giorni dall’estrazione dell’animaletto, occorre recarsi subito da un medico o in un centro specialistico per ricevere le cure più adeguate alle diverse manifestazioni.