diredonna network
logo
Stai leggendo: I Vegetariani Uccidono Più Animali Di Chi Ne Mangia La Carne

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

I Vegetariani Uccidono Più Animali Di Chi Ne Mangia La Carne

Uno studio ha rivelato, numeri alla mano, che i vegetariani uccidono in realtà molti più animali degli onnivori. Il perchè è stato spiegato dal professore Mike Archer dopo anni di ricerche e studi mirati.
vegetariano

Sembra uno scherzo, eppure non lo è.

Anni di convinzioni andate in fumo grazie ad uno studio condotto da Mike Archer dell’Università del New South Wales, in Australia.

I ricercatori hanno scoperto che i vegetariani, coloro che ritengono che mangiare carne non sia etico, in realtà uccidono più animali, in misura 25 volte maggiore di quanto facciano gli onnivori.

I vegetariani ritengono che l’allevamento danneggi l’ambiente e che sprechi  vegetali. Il professore dell’Università che ha condotto lo studio, tale Mike Archer, ha sostenuto in un articolo apparso sulla rivista scientifica “The Conversation”  che la produzione dei vegetali consumati dall’uomo può uccidere un numero di animali 25 volte superiore per chilogrammo di proteine utilizzabili prodotte, rispetto a quanto avviene per la produzione di carne.

La maggior parte dei bovini macellati si nutrono di vegetazione spontanea e la produzione di grano, riso e legumi comporta proprio l’eliminazione di vegetazione spontanea.

Il tutto comporta, secondo la logica, alla morte di migliaia di animali la cui sopravvivenza è legata a quel determinato tipo di vegetazione ed ecosistema.

Dal pascolo non si ottengono vegetali consumabili dall’uomo e al fine di ottenerli si rischia solo di distruggere nuova vegetazione spontanea.

Differenze sostanziose quindi tra il numero degli animali uccisi per essere mangiati e quelli uccisi per non essere mangiati. Lo studio ha stimato che un bovino cresciuto al pascolo, abbattuto, rende una carcassa di 288 kg per un 68% di carne: 45kg (23%) di proteine per animale ucciso.

Per ottenere 100kg occorre quindi abbattere 2,2 animali. Tanti sono gli animali che vengono uccisi per difendere i raccolti, spesso avvelenati.

Per esempio nella coltivazione del frumento vengono uccisi almeno 100 topi per ettaro ogni anno.

E chi ama gli animali non fa distinzione di specie. 

L’invito rivolto agli animalisti è quello di pensare al fatto che gli animali uccisi per difendere i raccolti soffrono ancora di più di quelli uccisi nell’allevamento o nella caccia, perché ad essi non è garantita la limitazione del dolore al minimo, e neanche lo stordimento preventivo solitamente garantito agli animali destinati al macello.

La scienza ha parlato. Ma sarà tutto vero?

Impossibile dirlo, intanto si aspettano ricerche che dimostrino il contrario, sono certa che non tarderanno ad arrivare.