diredonna network
logo
Stai leggendo: Il tema del Met Gala 2018 è davvero molto molto controverso

CaféNoir autunno/inverno 2017-2018: tutti i pezzi della nuova collezione!

Dimmi come porti la borsa e ti dirò chi sei

I "roller-tacchi" di Saint Laurent sono realtà (e hanno un prezzo!)

Zara collezione autunno/inverno 2017/2018: i capi che non possiamo non comprare

Borse con frange: i modelli da avere e le anticipazioni per l'autunno/inverno 2017!

Carrie Bradshaw mood: su Amazon arriva la nuova linea di scarpe di Sarah Jessica Parker

Vestiti lunghi estivi 2017: tutte le tendenze e i modelli più belli della stagione!

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

Melinda Gates: "Perché dobbiamo sostenere e pretendere il controllo delle nascite"

Il tema del Met Gala 2018 è davvero molto molto controverso

"Fashion e Religion" sarà il nuovo tema sviluppato dall'evento più atteso del 2018.
Fonte: Met Gala 2017

A quasi un anno di distanza, il tema del Met Gala 2018 è stato rivelato e fa già discutere.
Come riferito da WWD, “Fashion & Religion” sembrerebbe essere il futuro punto focale della mostra e dell’evento più atteso del prossimo anno.

Nulla è ancora certo, poiché secondo la fonte, il Met-Metropolitan museum of art di New York starebbe ancora definendo tutti i dettagli relativi all’evento.
In qualunque caso non possiamo fare altro che chiederci: perché un simile e controverso tema?

La risposta è molto semplice e non scontata come si possa credere. Nel corso degli ultimi anni, molti artisti rinomati nel mondo della moda hanno citato nelle loro collezioni dei temi religiosi, più o meno espliciti.

Basti pensare alla collezione autunno-inverno 2013 di Dolce&Gabbana che attraverso simboli celebri quali ex-voto e cherubini ha portato sulla propria passerella un assaggio di arte e storia dei mosaici siculo-normanni del Duomo di Monreale, di Cefalù e della Chiesa della Martorana di Palermo. Una collezione che ha presto fatto discutere per il forte simbolismo legato a Sant’Agata e alla Maria Vergine sull’abside del Duomo di Cefalù.

Ma non solo: protagonista di un’arte senza più barriere religiose è anche il celebre marchio Jean-Paul Gaultier, con la sua variopinta collezione del 2007 ispirata alla Santa Vergine. E ancora Givenchy con le sue stampe ispirate alle iconografie religione più celebri.

Un tema certamente delicato ma non indifferente.