diredonna network
logo
Stai leggendo: Morgan: storia di un “ribelle” e delle sue uscite (o cacciate) di scena

Gaten Matarazzo di Stranger Things: "La mia vita da persona affetta da rara anomalia genetica"

L'incidente di Noah Hathaway, il bambino guerriero de La Storia Infinita

La ragazza che salvò il soldato. Lui: "Non ho mai smesso di cercarti"

Arabia Saudita: "Le donne non possono guidare perché hanno un quarto di cervello"

Autocontrollo, quando troppo fa perdere il controllo e quando coltivarlo

Perché le coppie che guardano serie tv sono le più felici

Gloria, uccisa di botte a 23 anni dai parenti che la costringevano a prostituirsi

Gomma crepla: cos'è e come si usa

"Sex by surprise", subire violenza durante un rapporto sessuale consenziente

La lettera d'amore di Alain Delon al suo grande amore quando morì

Morgan: storia di un "ribelle" e delle sue uscite (o cacciate) di scena

Morgan lascia Amici fra le polemiche. Dopo X-Factor, dunque, il cantante abbandona un'altra trasmissione. E che dire di quell'espulsione da Sanremo?
Fonte: web

Morgan ci ricasca. L’eclettico cantante, leader del gruppo dei Bluvertigo e personaggio popolare, seppur controverso, della televisione italiana, non ha resistito, e per l’ennesima volta si è reso protagonista di una storia che si è conclusa con un altro abbandono, questa volta dal ruolo di coach della squadra dei Bianchi di Amici.

Non solo le liti con il pubblico, a cui sabato scorso, durante la punta del serale, si era rivolto appellandoli come “Bimbiminkia“, nella realtà che emerge e che avrebbe portato alla risoluzione anticipata del contratto di Marco Castoldi,  il vero nome di Morgan, c’è molto di più: si parla di scontri pesanti con la produzione, di offese, di litigi persino con i concorrenti, tre dei quali avrebbero minacciato di lasciare il programma se a fare le valigie non fosse stato il loro coach.

Come detto, però, non è la prima volta nella carriera del cantante milanese che accadono episodi simili; cerchiamo di ricostruire ciò che è successo nel backstage di Amici e anche di ripercorrere tute le altre occasioni in cui Morgan si è “bruciato”.

L’abbandono ad Amici

Fonte: web

Sono purtroppo costretta a confermare le voci che annunciano l’uscita di Morgan da Amici. È vero e lo considero un mio fallimento. Dopo una lunga e vana attesa di un incontro con gli autori e con chi gestisce la produzione, tutto è degenerato. Da lui sono partiti gli insulti, le accuse, le teorie complottiste e persecutorie, fino alla ovvia e necessaria risoluzione degli impegni reciproci. Peccato.

Così esordisce la nota con cui Maria De Filippi, padrona di casa del talent di Canale 5, ha spiegato i motivi della decisione irreparabile della produzione di allontanare Morgan, “destituendolo” dal ruolo di coach della squadra bianca. Morgan, sottolinea ancora Maria nella nota, non è stato in grado soprattutto di corrispondere alle esigenze dei ragazzi, di “Creare quel legame che porti i ragazzi in gara, a credere nel loro coach; far sì che i ragazzi gli riconoscano le capacità di guida e di crescita come è giusto che sia in ogni rapporto costruttivo e mai impositivo.

Tanto che, come detto poc’anzi, ben tre su quattro dei ragazzi attualmente ancora in squadra hanno chiesto alla produzione una soluzione immediata per risolvere la questione, con la promessa di lasciare il programma pur di non avere più come coach l’ex giudice di X-Factor. Morgan, inoltre, si legge ancora nella nota, non ha voluto incontrare nessuno né ha accettato l’invito a parlare in prima persona direttamente con i ragazzi. Ha scelto di mandare un suo rappresentante “con l’intento di spiegare ai ragazzi chi fosse davvero Morgan e quali qualità avesse da offrir loro“. L’incontro tra il suo rappresentante e i ragazzi effettivamente c’è stato, ma non ha sortito nessun cambio di visuale da parte loro e, dopo una vana attesa di un incontro con gli autori e con chi gestisce la produzione, tutto è degenerato.

Morgan – conclude Maria – è e rimane una persona che ho stimato e che stimo per essere com’è. Tutti mi dicono che presto farà in modo che su di noi ricadano le più brutte nefandezze. Spero di no e laddove fosse, spero di continuare a rimanere salda nel mio pensiero su di lui.

La replica del cantante, tuttavia, non si è fatta attendere, e la sua versione lui l’ha affidata ai social, alla sua pagina Facebook.

Dove starà la verità? Difficile stabilirlo, ma certo Morgan non è nuovo a queste uscite di scena clamorose.

X- Factor: “Per me è no”

Fonte: web

E dire che Morgan, nelle prime tre edizioni da giudice del talent show targato allora Rai (dal 2008 al 2010) ha sempre portato un suo cantante alla vittoria: prima gli Aram Quartet, poi Matteo Becucci, infine Marco Mengoni, lanciato proprio da lui.

Dopo una pausa, viene richiamato ad “allenare” i cantanti nell’edizione del 2011, ma anche stavolta l’idillio dura poco: litiga con Fedez in diretta tv, durante l’Extra Factor, alza il dito medio verso il pubblico, poi annuncia, sempre nel corso di una puntata, di voler abbandonare il programma, in seguito al ballottaggio fra due dei suoi gruppi.

È per sempre – dice- non c’entro più nulla con la deriva che ha preso questa trasmissione.

Equitalia gli pignora il compenso totale, oltre 300 mila euro, dell’ultima edizione, e lui commenta dicendo:

Il talent show, ma soprattutto X-Factor, è la tomba della creatività.

La scelta di accettare il ruolo di coach ad Amici, infatti, sarebbe nata proprio dalla necessità di estinguere i debiti accumulati.

L’espulsione da Sanremo

Fonte. web

A Morgan è fatale un’intervista rilasciata a Max, dove dice:

A me lo sballo non interessa. Io uso la cocaina come antidepressivo […] Io la fumo in basi (crack) perché non voglio tirare su l’intonaco con le narici.

Sulle sue affermazioni choc si scatenò un polverone che coinvolse anche il mondo politico, dall’allora ministro per la Gioventù Giorgia Meloni al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Carlo Giovanardi al presidente dei senatori del Pdl Maurizio Gasparri; e poi il Codacons, il direttore di RaiUno Mauro Mazza, il direttore artistico del Festival, Gianmarco Mazzi.

Sono traumatizzato – disse l’artista – ora ho bisogno di riflettere, chiedo a tutti di essere rispettato“.

Poi, in un dibattito radiofonico con Giorgia Meloni, precisò:

Sono ancora all’inizio del mio percorso di recupero dalla tossicodipendenza, ma voglio farcela, prima di tutto per mia figlia, poi per la musica che è la parte migliore di me. Ho avuto momenti di debolezza, e lo ammetto, ma sono forte della convinzione che la droga fa male, e che la vita è più bella senza droga.

Questo non gli fu però sufficiente a evitargli la squalifica da Sanremo, dove tornò nel 2015 con i Bluvertigo, venendo eliminato prima della finale.

Anche la sua vita privata non è stata meno tormentata:

Tormentato anche nella vita privata

Fonte: web

Morgan ha avuto anche una vita sentimentale piuttosto travagliata. Prima la relazione con Asia Argento, durata dal 2000 al 2007, da cui ha avuto la primogenita Anna Lou. Rapporto che purtroppo si concluse malissimo, con una disputa sugli alimenti e battaglie legali infinite. Durante la quinta edizione di X-Factor Morgan conosce Jessica Mazzoli, una concorrente, che nel 2012 gli dà la figlia Lara, ma anche questa storia naufraga.

Lui che si definisce “pazzo, isterico, ingestibile, ritardatario cronico, egoista, concreto, pratico” non ha probabilmente ancora trovato la sua stabilità, un equilibrio che gli permetta finalmente di vivere e lavorare serenamente, ed è un peccato, perché resta un artista molto bravo nonché un grande conoscitore di musica.

Stavolta, però, non è stata la solita Tina Cipollari, a dire “Maria io esco” è stato proprio lui.