diredonna network
logo
Stai leggendo: Briatore choc: “Non so come si possa vivere con 1300 euro al mese”

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Blue Whale, il suicid game a colpi di selfie che ha ucciso 130 adolescenti in 6 mesi

Gli scatti di Lalonie, 17 anni: "Con il mio corpo faccio ciò che voglio"

"Le donne che si sposano rischiano di diventare povere"

Vampiri energetici: come riconoscerli e imparare a difenderti da loro

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Briatore choc: "Non so come si possa vivere con 1300 euro al mese"

Flavio Briatore choc in diretta su Rai3: "Non so come si possa vivere con 1300 euro al mese". E la Rete insorge.

Certo, Flavio Briatore ci ha abituate a uscite e dichiarazioni piuttosto forti, come quando per esempio, all’incirca un anno fa, disse nel corso di un incontro a Otranto che i turisti “di lusso” non erano attratti dalla Puglia come meta per le proprie vacanze a causa delle strutture carenti, inadeguate o comunque non all’altezza di un certo tipo di clientela.

Ma quanto detto dal facoltoso manager durante la trasmissione “Carta Bianca” condotta da Bianca Berlinguer, in onda su Rai3, ha fatto indignare moltissimi spettatori, scatenando reazioni e proteste che hanno trovato sfogo, come spesso accade, soprattutto sui social network.

Non so proprio come si possa vivere con 1300 euro al mese

Questa l’affermazione choc dell’ex team manager Renault in Formula Uno, in collegamento da Montecarlo; una frase, la sua, che ha suscitato in maniera pressoché immediata un’ondata di risposte furenti, di commenti sarcastici, di battute al vetriolo tra gli utenti del Web, che non hanno per nulla apprezzato la sua uscita. Così, con gli hashtag #Briatore e #CartaBianca, sono davvero tantissime le persone che hanno voluto dire la propria in merito.

Impossibile non aspettarsi che le dichiarazioni di Briatore avrebbero avuto tali conseguenze, soprattutto alla luce del fatto che i fatidici 1300 euro sono in realtà una cifra che in molti sognano, ma che in pochi guadagnano; circostanza confermata tristemente dall’ultima indagine Global 50 Remuneration Planning della società di consulenza Willis Towers Watson, che piazza l’Italia molto in basso in classifica, con stipendi fra i più bassi d’Europa e un potere d’acquisto davvero limitato; analizzando la media della retribuzione annuale lorda delle prime 20 economie europee, infatti, gli italiani si posizionano al 14° posto del ranking, posizione che si abbassa ulteriormente fino al 17° posto se si calcola lo stipendio rispetto, appunto, al potere d’acquisto. Al primo posto fra le retribuzioni più alte rimane la Svizzera, con ben il 50% in più rispetto all’Irlanda, seconda.

E qualcuno, fra i commenti, ha voluto puntualizzare proprio il fatto che i 1300 al mese siano un miraggio per buona parte degli italiani.

Ma il ciclone Briatore non si è limitato solo a quello, Flavio ha parlato anche della scarsa indipendenza che i giovani nel nostro paese avrebbero rispetto alla famiglia.

È ridicolo parlare del sacrificio di andare fuori casa: ma cosa vuol dire? Che vorrebbero andare a mangiare gli spaghetti con la nonna e la mamma tutte le domeniche? Quando sento che è così difficile esser lontano da casa per un ragazzo di 25 anni penso che sia incredibile. Negli Stati Uniti i ragazzi a 16-17 anni lasciano le famiglie e cercano di trovare una strada loro.

Inutile sottolineare che anche questa affermazione abbia ricevuto risposte decisamente piccate, soprattutto da quanti facevano notare a Briatore quanto sia complicato poter lasciare la casa dei genitori con stipendi medi ben al di sotto dei 1000 euro, sapendo quante sono le spese da sostenere mensilmente. E c’è anche chi chiude con un serafico:

Insomma, anche questa volta Flavio, provocatore per natura, è riuscito nel suo intento, ovvero scatenare un polverone; non ci resta che aspettare per scoprire quali saranno le nuove uscite del manager, sempre pronto a riscaldare gli animi.